Home > Riviste > Minerva Endocrinologica > Fascicoli precedenti > Minerva Endocrinologica 2006 December;31(4) > Minerva Endocrinologica 2006 December;31(4):263-72

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ENDOCRINOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Sistema Endocrino


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,383


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Endocrinologica 2006 December;31(4):263-72

Copyright © 2006 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese, Italiano

Differenze nei parametri spermatici e ruolo dei radicali liberi di ossigeno nelle prostato-vesciculo-epididimiti infiammatorie postmicrobiche monolaterali e bilaterali

La Vignera S. 1, Calogero A. E. 1, Cannizzaro M. A. 2, Vicari E. 1

1 Unit of Endocrinology, Andrology and Internal Medicine Department of Biomedical Sciences Garibaldi Hospital University of Catania, Catania, Italy 2 Unit of Endocrine Surgery S. Luigi Currò Hospital, University of Catania, Catania, Italy


PDF  


Obiettivo. Lo scopo di questo lavoro era analizzare le possibili differenze, in termini di parametri spermatici e produzione di radicali liberi di ossigeno (reactive oxigen species, ROS), tra 2 gruppi di pazienti con quadro di prostato-vesciculo-epididimite (PVE) monolaterale e bilaterale e un gruppo con infiammazione meno estesa (prostatite).
Metodi. Settantotto pazienti (età media 34 anni, range 24-40) infertili con quadro di PVE cronica infiammatoria postmicrobica, selezionati consecutivamente sulla base di rilievi strumentali ecografici (scansione didimo-epididimaria e scansione transrettale prostato-vescicolare) e un gruppo di controllo formato da 30 pazienti infertili (età confrontabile) con prostatite infiammatoria postbatterica sono stati sottoposti a spermiogramma (includente valutazione della concentrazione seminale dei leucociti, numero di spermiofagi e produzione di ROS.
Risultati. Il gruppo di pazienti con PVE bilaterale ha mostrato valori di mediana della densità spermatica e del numero totale di spermatozoi significativamente più bassi rispetto al gruppo di pazienti con quadro di PVE monolaterale e nel gruppo di controllo. Nel gruppo con PVE bilaterale è stata registrata una più alta percentuale di pazienti con oligozoospermia o iperposia, rispetto al gruppo con PVE monolaterale. Gli altri parametri spermatici, citologici e chimico-fisici, e la produzione di ROS non hanno mostrato differenze significative tra il gruppo con PVE monolaterale e PVE bilaterale, ma hanno esibito in entrambi i gruppi valori di mediana e frequenza percentuale di alterazioni significativamente peggiori rispetto al gruppo di controllo.
Conclusioni. Una serie di alterazioni spermatiche (elevate concentrazioni di leucociti e spermiofagi nel seme; presenza di multiple anomalie delle proprietà chimico-fisiche; iperproduzione di ROS) riesce a differenziare un quadro di PVE (mono o bilaterale) da una prostatite. Per una diagnosi differenziale di lato della PVE (forma mono o bilaterale), nel follow-up di tali pazienti, si rende opportuno un approccio integrato su base clinica, seminologica e strumentale ecografica.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail