Home > Riviste > Minerva Endocrinologica > Fascicoli precedenti > Minerva Endocrinologica 2004 Dicembre;29(4) > Minerva Endocrinologica 2004 Dicembre;29(4):225-38

ULTIMO FASCICOLOMINERVA ENDOCRINOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Sistema Endocrino


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,118

 

REVIEW  


Minerva Endocrinologica 2004 Dicembre;29(4):225-38

lingua: Inglese, Italiano

Nuove opzioni terapeutiche per l' acromegalia

Arosio M., Ronchi C. L., Epaminonda P., di Lembo S.,Adda G.


PDF  ESTRATTI


L'acromegalia è un'affezione di relativa rarità, a lenta evoluzione, che si caratterizza per un eccesso cronico di ormone della crescita (GH) e conseguentemente di fattore insulino-simile I (IGF-I) sostenuto da un adenoma ipofisario GH-secernente. Provoca un aumento di mortalità di circa 2-3 volte rispetto alla popolazione generale, principalmente per patologie cerebro- e cardio-vascolari ed è responsabile di un'accresciuta morbilità che riduce sensibilmente la qualità di vita del paziente. Del quadro sindromico dell'acromegalia fanno parte una specifica miocardiopatia, diabete mellito, ipertensione arteriosa, gravi artropatie, gozzo, sleep-apnea, una cefalea spesso intrattabile. La morbilità e la ridotta attesa di vita, causate da questa sindrome, sono conseguenza delle azioni metaboliche ubiquitarie esercitate dall'eccessiva secrezione di GH ed IGF-I, mentre solo raramente la mortalità dipende dall'effetto massa del tumore ipofisario. Dato che l'attesa di vita di questi pazienti può essere riportata a quell'attesa e il quadro sindromico può grandemente migliorare con la piena normalizzazione delle concentrazioni sieriche di IGF-I e uno stretto controllo dei livelli di GH, è consigliabile che il trattamento sia aggressivo, se necessario multimodale ma comunque sempre personalizzato sulle caratteristiche del tumore e le esigenze del singolo paziente.
In anni recenti, sono stati sviluppati nuovi farmaci e più efficaci formulazioni in grado di ridurre la secrezione o di agire sull'azione del GH che vanno ad aggiungersi e - possono talvolta anche sostituire - i tradizionali approcci terapeutici della chirurgica ipofisaria e della radioterapia. Questa breve rassegna si propone di riassumere brevemente le opzioni terapeutiche oggi disponibili per l'acromegalia. Viene inoltre fornita una breve nota circa nuovi farmaci attualmente in sviluppo.

inizio pagina