Home > Riviste > Minerva Endocrinologica > Fascicoli precedenti > Minerva Endocrinologica 2004 September;29(3) > Minerva Endocrinologica 2004 September;29(3):129-38

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ENDOCRINOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Sistema Endocrino


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,383


eTOC

 

  THE HEART AND ENDOCRINOLOGY


Minerva Endocrinologica 2004 September;29(3):129-38

Copyright © 2004 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Polycystic ovary syndrome and cardiovascular disease

Loverro G.


PDF  


Obiettivo del presente lavoro è un'analisi della letteratura recente concernente l'incidenza di complicanze cardiovascolari nelle pazienti affette da sindrome dell'ovaio policistico (PCOS). Lo studio prende in considerazione tutti gli studi sino ad oggi pubblicati nella letteratura internazionale al fine di chiarire se la PCOS è in condizione di determinare un'insorgenza precoce o è responsabile di una maggiore incidenza globale di complicanze cardiovascolari in età adulta. La principale difficoltà consiste nell'assenza di studi prospettici, in considerazione del lungo periodo di tempo esistente tra diagnosi di PCOS e malattia cardiovascolare, che notoriamente ha un lungo periodo di latenza. Molta attenzione è stata invece rivolta in letteratura all'analisi dell'incidenza nelle pazienti affette da PCOS di fattori di rischio cardiovascolari. Sebbene gli studi epidemiologici non hanno messo in evidenza un'aumentata incidenza di morti per eventi cardiovascolari nelle pazienti affette da PCOS, le suddette conclusioni potrebbero essere inficiate da bias di selezione di pazienti, da criteri diagnostici obsoleti e da terapie mediche o chirurgiche che possono influenzare l'esito della malattia, e che non sono tenute in considerazione come fattore di confusione. Indubbiamente, tutti i dati sinora disponibili affermano che la PCOS ha in sé delle condizioni intrinseche che portano a un'aumentata incidenza di fattori predisponenti alle malattie cardiovascolari. Futuri studi longitudinali di natura prospettica potranno essere utili nel comprendere se la maggiore incidenza di fattori predisponenti può indurre anche una maggiore attesa di eventi cardiovascolari o se terapie mediche o altri fattori (miglioramento della sintomatologia endocrina con la menopausa?) possono prevenire l'aumentata attesa incidenza di tali eventi.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail