Home > Riviste > Minerva Endocrinologica > Fascicoli precedenti > Minerva Endocrinologica 2004 Settembre;29(3) > Minerva Endocrinologica 2004 Settembre;29(3):113-28

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ENDOCRINOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Sistema Endocrino


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,118


eTOC

 

  THE HEART AND ENDOCRINOLOGY


Minerva Endocrinologica 2004 Settembre;29(3):113-28

lingua: Inglese

Natriuretic peptides and the management of heart failure

Calderone A.


PDF  


L'iperattivazione del sistema renina-angiotensina-aldosterone, l'aumento del tono simpatico e l'incon-trollata sintesi di citochine infiammatorie possono aggravare la disfunzione della contrattilità ventricolare nei pazienti affetti da scompenso cardiaco congestizio. Le conseguenze fisiopatologiche che ne derivano comprendono l'eccessiva ritenzione di liquidi, l'aumento delle resistenze vascolari periferiche e la disfunzione endoteliale. Di conseguenza, la richiesta di lavoro addizionale, in presenza di un postcarico aumentato, non può essere sostenuta da parte di un miocardio già compromesso. Dal punto di vista terapeutico, l'attivazione del sistema del peptide natriuretico può rappresentare un approccio di tipo fisiologico volto a contrastare gli effetti dannosi dei sistemi neuroendocrini e delle citochine infiammatorie. Sia nei pazienti che nei modelli animali di scompenso cardiaco congestizio, l'incremento farmacologico dei livelli plasmatici di peptide natriuretico migliora il tono vascolare, la funzionalità renale e vascolare e la contrattilità ventricolare. Sulla base di queste osservazioni, la presente review analizza gli effetti terapeutici del sistema del peptide natriuretico nello scompenso cardiaco congestizio.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail