Home > Riviste > Minerva Endocrinologica > Fascicoli precedenti > Minerva Endocrinologica 2004 September;29(3) > Minerva Endocrinologica 2004 September;29(3):77-88

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ENDOCRINOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Sistema Endocrino


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,118


eTOC

 

  THE HEART AND ENDOCRINOLOGY


Minerva Endocrinologica 2004 September;29(3):77-88

lingua: Inglese, Italiano

Complicanze cardiovascolari nell'acromegalia

Vitale G., Pivonello R., Lombardi G., Colao A.


PDF  


La morbidità e mortalità cardiovascolare risultano aumentate nell'acromegalia. Infatti, l'eccesso di GH e IGF-I sono in grado di indurre una specifica cardiopatia.
Lo stadio iniziale dell'acromegalia è caratterizzato da una sindrome ipercinetica (elevata frequenza cardiaca e aumento della frazione di eiezione). Frequen-temente l'ipertrofia biventricolare concentrica e una disfunzione diastolica si presentano nell'acromegalia, inducendo un'alterazione della funzionalità sistolica terminante in scompenso cardiaco, se la patologia non è trattata o risulta essere non responsiva alla terapia. Inoltre, sono state descritte alterazioni del ritmo e valvulopatie. La coesistenza di altre complicanze, come l'ipertensione e il diabete, è in grado di aggravare la cardiopatia acromegalica.
La soppressione dei livelli di GH/IGF-I dopo trattamento è in grado di ridurre la massa ventricolare sinistra e di migliorare la funzione cardiaca.
In conclusione, un'attenta valutazione morfo-funzionale e dell'attività cardiaca sembra essere necessaria nel paziente acromegalico.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail