Home > Riviste > Minerva Endocrinologica > Fascicoli precedenti > Minerva Endocrinologica 2004 Marzo;29(1) > Minerva Endocrinologica 2004 Marzo;29(1):25-30

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ENDOCRINOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Sistema Endocrino


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,118


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Endocrinologica 2004 Marzo;29(1):25-30

lingua: Italiano

Descrizione di un caso clinico di severo iper-androgenismo postmenopausale dovuto a un tumore ovarico a cellule lipidiche

Bernasconi D., Del Monte P., Marinaro E., Marugo A., Marugo M.


PDF  


Viene descritto il caso di una paziente di sesso femminile di 62 anni con severo irsutismo a insorgenza post-menopausale.
L'anamnesi rilevava flussi mestruali regolari fino all'epoca della menopausa, all'età di 50 anni, isterectomia per fibroma a 58 anni, diabete di tipo 2, ipertensione, obesità; da circa 3 anni si era sviluppato irsutismo severo con abbassamento del timbro della voce. L'esame obiettivo dimostrava obesità androide, ipertensione e irsutismo severo interessante il viso e il tronco. Le indagini endocrinologiche evidenziavano regolare funzionalità surrenalica, spiccato incremento del testosterone totale e libero a valori maschili, normali androstenedione, DHEAS e 17OHP. L'estradiolo era leggermente aumentato e LH e FSH erano eccessivamente bassi per l'età post-menopausale. La tomografia computerizzata (TC) dell'addome rilevava normali ghiandole surrenali e la scintigrafia surrenalica con iodocolesterolo era negativa. La TC e l'ecografia pelvica non evidenziavano lesioni espansive ovariche; un'ulteriore ecografia transvaginale rilevava una piccola formazione cistica vicino all'ovaio destro e un lieve aumento di volume dell'ovaio sinistro. La paziente veniva sottoposta a annessiectomia bilaterale. L'esame istologico dimostrava un tumore ovarico a cellule lipidiche all'interno dell'ovaio sinistro. L'indagine immunoistochimica risultava positiva per l'inibina e la citocheratina. Dopo l'intervento, il testosterone plasmatico si riduceva a valori normali, le gonadotropine salivano a livelli menopausali, confermando la capacità del tumore di produrre fattori ad attività sia LH, che FSH-inibitoria, e l'irsutismo migliorava notevolmente. I controlli successivi, sia ormonali che morfologici, non hanno evidenziato alterazioni fino a un follow-up di 3 anni.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail