Home > Riviste > Minerva Endocrinologica > Fascicoli precedenti > Minerva Endocrinologica 2003 Settembre;28(3) > Minerva Endocrinologica 2003 Settembre;28(3):205-12

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ENDOCRINOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Sistema Endocrino


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,118


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Endocrinologica 2003 Settembre;28(3):205-12

lingua: Inglese

Thyroid cancer yield in patients with Graves' disease

Stocker D. J., Burch H. B.


PDF  


Il trattamento dei noduli della tiroide nei pazienti affeti dal morbo di Graves costituisce tuttora oggetto di discussione e di pareri contrastanti da parte di chi ha in cura questi pazienti. Per un certo periodo di tempo, si è ritenuto che il carcinoma della tiroide rappresentasse un evento estremamente raro nei pazienti affetti da tireotossicosi, ma questa convinzione si è rivelata essere fuorviante. Diversi studi hanno evidenziato una aumentata incidenza sia dei noduli che del carcinoma della tiroide nei pazienti affeti dal morbo di Graves, con tassi di malignità nel morbo di Graves hanno comprensibilmente condotto a una considerevole variabilità nelle indicazioni di trattamento.
Non vi è accordo nemmeno circa il fatto se il carnoma della tiroide presenti o meno un comportamento maggiormente aggressivo nei pazienti affetti dal morbo di Graves. Dati di tipo aneddotico e un grande numero di studi hanno suggerito un'aumentata aggressività del carcinoma della tiroide di tipo papillare e di tipo follicolare nei pazienti affetti dal morbo di Graves, ma questi risultati non sempre hanno trovato conferma.
La tireoptropina (ormone timolante la tiroide, TSH) svolge un ruolo attivo nello sviluppo e nella stimolazione del carcinoma della tiroide e condiziona in tal modo sia l'incidenza che l'aggressività del carcinoma della tiroide. L'esistenza di un'associazione tra TSH e carcinoma della tiroide è nota da molto tempo. Il TSH svolge un ruolo fondamentale nella crescita della ghiandola tiroide e nel suo corretto funzionamento e sembra svolgere un ruolo analogo nella crescita e nello sviluppo del carcinoma della tiroide. La stretta relazione tra il TSH e gli anticorpi diretti contro il recettore per il TSH, osservata nel morbo di Graves, ha indotto a ritenere che il carcinoma della tiroide che si sviluppa nel quadro del morbo di Graves può presentare una maggiore aggressività, in conseguenza della stimolazione da parte degli autoanticorpi. In questo articolo viene presentata una sintesi dei lavori pubblicati in letteratura riguardanti il carcinoma della tiroide nel morbo di Graves e viene suggerito un approccio basato sull'evidenza per il trattamento di questi pazienti.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail