Home > Riviste > Minerva Endocrinologica > Fascicoli precedenti > Minerva Endocrinologica 2003 June;28(2) > Minerva Endocrinologica 2003 June;28(2):155-68

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ENDOCRINOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Sistema Endocrino


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,383


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Endocrinologica 2003 June;28(2):155-68

Copyright © 2003 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Neuroendocrine regulation of feeding

Vettor R., Fabris R., Pagano C., Federspil G.


PDF  


Il comportamento alimentare è un fenomeno complesso, che risulta dall'interazione, a livello dell'ipotalamo e di altre regioni encefaliche, di molteplici fattori, comprendenti stimoli olfattivi, visivi, emozionali e cognitivi, nonché diversi segnali nutrizionali provenienti dalla periferia. Questi stimoli modulano l'espressione di neutrasmettitori e neuropeptidi con attività oressigenica e anoressica. Osservazioni ottenute più di 50 anni fa con esperimenti di lesione e stimolazione cerebrale portarono alla concezione ''dualistica'' del controllo centrale dell'omeostasi energetica. Sulla base di questi studi il ''centro della sazietà'' venne localizzato nel nucleo ventromediale dell'ipotalamo, dal momento che lesioni di questa regione causavano iperfagia, mentre la sua stimolazione elettrica era in grado di inibire l'appetito. Al contrario, lesioni o stimolazioni dell'ipotalamo laterale provocavano risposte opposte, suggerendo che quest'area rappresentasse il ''centro della fame''. La successiva espansione delle nostre conoscenze sulle specifiche sub-popolazioni neuronali coinvolte nell'omeostasi energetica ha sostituito il concetto di specifici ''centri'' deputati al controllo del bilancio energetico con quello di distinti circuiti nervosi completamente integrati in una rete neuronale più complessa. Questa review si focalizzerà sui fattori centrali e periferici che si ritiene siano coinvolti nel controllo neuroendocrino del comportamento alimentare.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail