Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Endocrinologica > Fascicoli precedenti > Minerva Endocrinologica 2003 Giugno;28(2) > Minerva Endocrinologica 2003 Giugno;28(2):87-102

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA ENDOCRINOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Sistema Endocrino


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,118

 

Minerva Endocrinologica 2003 Giugno;28(2):87-102

 REVIEW

Diabetes and the hypothalamo-pituitary-adrenal (HPA) axis

Chan O., Inouye K., Riddell M. C., Vranic M., Matthews S. G.

I pazienti e gli animali che soffrono di diabete non controllato, o scarsamente controllato, presentano un'ipersecrezione diurna di glicocorticoidi e un'alterata regolazione dell'asse ipotalamo-ipofisi-surrene (HPA). Sebbene alcune di queste alterazioni vengano corrette dalla terapia insulinica sostitutiva, non sempre viene ristabilita la normale funzione neuroendocrina, pur ottenendosi un rigoroso controllo della glicemia. Inoltre, anche la risposta allo stress è ridotta in presenza di diabete, e ciò ha importanti implicazioni sul modo con cui i pazienti rispondono a molte situazioni di stress, ivi incluso lo stress metabolico secondario all'ipoglicemia indotta dall'insulina. L'alterata regolazione dell'asse HPA nel diabete sembra interessare complesse interazioni fra una ridotta sensibilità del meccanismo di feedback negativo ai glicocorticoidi e fattori quali l'ipoinsulinemia, l'iperglicemia e/o l'ipoleptinemia, che possono aumentare il controllo centrale dell'asse HPA. In questo lavoro vengono esaminati alcuni dei dati che dimostrerebbero un'iperattivazione dell'asse HPA nei pazienti affetti da diabete. Utilizzando dei ratti resi diabetici mediante streptozotocina come modello di diabete tipo-1, cercheremo di chiarire alcuni dei meccanismi alla base dell'alterata regolazione dell'asse HPA in presenza di diabete. In questa affezione, l'iperattivazione dell'asse HPA è associata con un'aumentata espressione del mRNA dell'ormone corticotrophin-releasing (CRH) di origine ipotalamica e del mRNA del recettore mineralcorticoideo (MR) situato nell'ippocampo. Quantunque il trattamento sostitutivo con insulina riuscisse a riportare l'ACTH e il corticosterone ai livelli normali, verosimilmente attraverso la soppressione della secrezione di ACTH mediata dai glicocorticoidi, l'espressione del mRNA del CRH e del MR rimaneva elevata. Una migliore conoscenza di questi meccanismi potrebbe riuscire importante per mettere a punto nuove strategie terapeutiche nei pazienti affetti da diabete mellito.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina