Home > Riviste > Minerva Endocrinologica > Fascicoli precedenti > Minerva Endocrinologica 2002 September;27(3) > Minerva Endocrinologica 2002 September;27(3):209-14

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ENDOCRINOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Sistema Endocrino


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,118


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Endocrinologica 2002 September;27(3):209-14

lingua: Italiano

Obesità ed infiammazione sistemica cronica

Invitti C.


PDF  


In questa review viene trattato il significato dell'obesità come promotore di una reazione infiammatoria cronica che predispone all'aterosclerosi e al successivo sviluppo di malattie cardiovascolari. Il tessuto adiposo produce citochine infiammatorie che favoriscono i meccanismi aterosclerotici ed influenzano il metabolismo glucidico e lipidico. Gli adipociti sono dotati di un sistema renina-angiotensina locale che può essere implicato nella patogenesi dell'ipertensione arteriosa spesso presente nell'obesità. Molti soggetti obesi hanno elevati livelli circolanti di fattori infiammatori che correlano con il grado di obesità e di insulinoresistenza e si riducono dopo calo ponderale ed esercizio fisico. Alcuni dati suggeriscono il possibile impiego terapeutico degli acidi grassi poliinsaturi e dei tiazolidinedoni nella prevenzione dell'aterosclerosi. L'ipotesi che l'obesità costituisca «di per sé» un fattore di rischio cardiovascolare in quanto associata ad uno stato infiammatorio cronico, trova sostegno nell'evidenza che quest'ultimo è già presente nei bambini obesi che non hanno altre patologie. Saranno comunque necessarie ulteriori ricerche per chiarire il significato fisiopatologico dello stato infiammatorio cronico che si associa all'obesità.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail