Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Endocrinologica > Fascicoli precedenti > Minerva Endocrinologica 2002 Giugno;27(2) > Minerva Endocrinologica 2002 Giugno;27(2):79-94

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA ENDOCRINOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Sistema Endocrino


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,118

 

Minerva Endocrinologica 2002 Giugno;27(2):79-94

 REVIEW

The multifaceted potential of glucagon-like peptide-1 as a therapeutic agent

Lam N. T., Kieffer T. J.

Il peptide-1 glucagone-simile (GLP-1), un ormone intestinale, sta rapidamente affermandosi quale nuovo principio terapeutico nel trattamento del diabete mellito. Il GLP-1, prodotto dalle cellule L dell'intestino, è noto per la sua elevata capacità di stimolare la sintesi e la liberazione dell'insulina da parte delle cellule b del pancreas. La somministrazione di GLP-1 esogeno a pazienti affetti da diabete tipo 2 determina una parziale normalizzazione della glicemia, quale risultato dell'aumentata secrezione di insulina in risposta ai livelli glicemici. Tuttavia, attualmente vengono riconosciute al GLP-1 numerose altre attività antidiabetiche, che nel loro insieme migliorano il fenotipo diabetico tipo 2 e possono pure riuscire utili nel trattamento del diabete tipo 1. Queste attività comprendono un rallentato svuotamento gastrico e un incrementato senso di sazietà, che riducono la disponibilità di principi nutritivi per l'assorbimento intestinale, e quindi il fabbisogno di insulina. Il GLP-1 riduce i livelli glicemici anche attraverso la soppressione della secrezione di glucagone da parte delle cellule a del pancreas e, forse, attraverso il miglioramento della sensibilità all'insulina dei tessuti periferici. Inoltre, il GLP-1 sovrintende all'espressione dei geni contenuti nelle cellule b (GLUT2, glucochinasi, insulina e PDX-1) e promuove la neogenesi delle cellule b e la differenziazione delle cellule duttali in cellule secernenti insulina. Sebbene indagini cliniche preliminari indichino che il GLP-1 possiede eccellenti potenzialità terapeutiche, la durata relativamente ridotta della sua attività biologica e le difficoltà di somministrazione ne hanno finora limitato l'impiego. Tra le alternative attualmente in fase di studio per superare questi limiti vi sono la stimolazione della liberazione di GLP-1 endogeno, l'allungamento dell'attività biologica del peptide naturale e l'allestimento di analoghi del GLP-1 con attività biologica protratta.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina