Home > Riviste > Minerva Endocrinologica > Fascicoli precedenti > Minerva Endocrinologica 2002 June;27(2) > Minerva Endocrinologica 2002 June;27(2):59-64

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ENDOCRINOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Sistema Endocrino


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,118


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Endocrinologica 2002 June;27(2):59-64

Copyright © 2002 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Disturbo della crescita nella sindrome di Down: terapia con ormone della crescita

Pallotti S., Giuliano S., Giambi C.


PDF  


Obiettivo. Questo studio è stato elaborato al fine di valutare gli effetti a breve e lungo termine della terapia con ormone della crescita in soggetti affetti da trisomia 21.
Metodi. Sono state analizzate le curve di crescita di 10 soggetti (3 maschi e 7 femmine), di età compresa tra 21 e 35 anni, affetti da sindrome di Down, sottoposti in epoca pre/peripuberale ad un trattamento con ormone della crescita (GH), durato in media 3,02 anni. Attualmente, a distanza di un periodo compreso tra 10 e 15 anni dalla sospensione del trattamento con GH, sono stati effettuati gli esami laboratoristici di routine (ormoni tiroidei, glicemia, emoglobina glicosilata, transaminasi) ed accurate indagini ematologiche (emocromo con formula leucocitaria, studio morfologico degli elementi del sangue).
Risultati. La terapia con GH ha comportato un incremento della velocità di crescita di questi soggetti e un miglioramento della statura definitiva di 5,16 cm nei maschi e 7,35 cm nelle femmine. In occasione del controllo a distanza non è stata riscontrata alcuna alterazione nel quadro ematologico, nelle concentrazioni di HbA1c, nella funzione tiroidea e nella funzionalità epatica, a testimoniare l'assenza di effetti collaterali della terapia con GH in soggetti affetti da sindrome di Down.
Conclusioni. Alla luce di ciò, siamo convinti della positività della terapia con GH nella trisomia 21, visti gli evidenti miglioramenti apportati all'accrescimento staturale, l'assenza di effetti collaterali e i possibili benefici psicologici conseguenti all'ottenimento di un incremento staturale, primo fra tutti un migliore inserimento nella sfera sociale.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail