Home > Riviste > Minerva Endocrinologica > Fascicoli precedenti > Minerva Endocrinologica 2001 Settembre;26(3) > Minerva Endocrinologica 2001 Settembre;26(3):181-92

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ENDOCRINOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Sistema Endocrino


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,118


eTOC

 

  NUOVE STRATEGIE DIAGNOSTICHE E TERAPEUTICHE: GLI ANALOGHI DELLA SOMATOSTATINA. Parte I


Minerva Endocrinologica 2001 Settembre;26(3):181-92

lingua: Italiano

Gli analoghi della somatostatina nell'inquadramento clinico della patologia ipofisaria

Colao A., Dorato M., Pulcrano M., Rossi F. W., Auriemma R. S., Lombardi G., Lastoria S.


PDF  


L'approccio medico ai pazienti con adenomi ipofisari secernenti o clinicamente non-funzionanti ha compiuto notevoli progressi grazie alla disponibilità di nuovi analoghi della somatostatina. Il loro uso nella terapia dell'acromegalia è iniziato a metà degli anni '80 e numerosi studi hanno dimostrato una riduzione della concentrazione di GH in più del 90% degli acromegalici. Buoni risultati sono stati ottenuti con la terapia con analoghi a lento rilascio anche negli adenomi TSH-secernenti, mentre l'efficacia terapeutica di questi peptidi negli adenomi clinicamente non-funzionanti è ancora in discussione. Il trattamento con gli analoghi della somatostatina migliora la sintomatologia, normalizza la secrezione ormonale ed in alcuni casi può indurre una riduzione volumetrica negli adenomi ipofisari. La scintigrafia con octreotide può servire a selezionare i pazienti responsivi alla terapia.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail