Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Endocrinologica > Fascicoli precedenti > Minerva Endocrinologica 2001 Settembre;26(3) > Minerva Endocrinologica 2001 Settembre;26(3):111-8

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA ENDOCRINOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Sistema Endocrino


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,118

 

Minerva Endocrinologica 2001 Settembre;26(3):111-8

NUOVE STRATEGIE DIAGNOSTICHE E TERAPEUTICHE: GLI ANALOGHI DELLA SOMATOSTATINA. Parte I 

Immunità e recettori della somatostatina

Peluso G., Mansi L.

Attraverso l'utilizzo di tecniche di biologia molecolare o di metodiche radioimmunologiche è stato possibile dimostrare nel timo la presenza di almeno tre diversi tipi di recettori per la somatostatina. In considerazione dell'attività chemiotattica evidenziata dalla somatostatina in altri distretti linfopoietici come il midollo osseo, è stata anche ipotizzata una funzione del neuropeptide nella regolazione della migrazione cellulare nel timo. La selettiva espressione dei recettori per la somatostatina su specifiche cellule immunocompetenti, sia circolanti che presenti in organi linfatici, permette un'azione modulante del neuropeptide anche sul sistema immunitario. Studi funzionali hanno dimostrato che la somatostatina può influenzare la proliferazione cellulare, la produzione di citochine ed immunoglobuline, l'attività citotossica ''natural killer'', la maturazione e la migrazione di cellule immunitarie sia nel sangue che nei tessuti linfopoietici. Evidenze recenti hanno permesso di valutare l'alterata espressione di recettori per la somatostatina su linfomonociti in corso di patologie sistemiche.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina