Home > Riviste > Minerva Endocrinologica > Fascicoli precedenti > Minerva Endocrinologica 2001 March;26(1) > Minerva Endocrinologica 2001 March;26(1):13-22

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ENDOCRINOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Sistema Endocrino


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,118


eTOC

 

  L'IPERPARATIROIDISMO, IMAGING PREOPERATORIO E TRATTAMENTO CHIRURGICO: TECNICHE A CONFRONTO


Minerva Endocrinologica 2001 March;26(1):13-22

lingua: Italiano

Ruolo della scintigrafia con doppio indicatore e perclorato di potassio (99mTcO4 & KCLO4/ MIBI) nell'iperparatiroidismo

Rubello D., Saladini G., Casara D.


PDF  


Obiettivo. L'utilità diagnostica della scintigrafia con doppio tracciante e dell'ecotomografia del collo ad alta risoluzione (EAR) nella localizzazione preoperatoria degli ingrandimenti paratiroidei è stata valutata in un gruppo di pazienti consecutivi affetti da iperparatiroidismo (IPT) primitivo omogeneamente studiati e successivamente operati dallo stesso team chirurgico.
Metodi. L'indagine scintigrafica e l'EAR sono stati eseguiti in una singola seduta in 143 pazienti. Per la scintigrafia è stata utilizzata la tecnica con doppio tracciante, 99mTc-pertecnetato/99mTc-MIBI (99m TcO4/MIBI), modificata mediante l'introduzione del perclorato di potassio (KCLO4) per determinare un rapido wash-out del 99mTcO4 dalla tiroide e, conseguentemente, per ottenere immagini con MIBI di buona qualità ed in tempi rapidi. In un numero limitato di pazienti (n. = 21 casi), allo studio scintigrafico planare è stata associata un'indagine tomografica SPECT. Nei pazienti con evidenza di lesione paratiroidea singola e con un quadro tiroideo normale, è stata pianificata una chirurgia limitata, unilaterale o miniinvasiva (n. = 91 casi). Nei pazienti con un quadro eco-scintigrafico indicativo per la presenza di una patologia paratiroidea multighiandolare o per la coesistenza di un gozzo tiroideo nodulare o in pazienti affetti da MEN o IPT familiare o, infine, nel caso di un esame eco-scintigrafico negativo, è stato pianificato un intervento chirurgico più ampio con esplorazione bilaterale del collo (n. = 52 casi). In 90 dei 91 pazienti in cui è stata pianificata un'esplorazione unilaterale o miniinvasiva del collo, all'atto operatorio è stata fatta diagnosi di lesione paratiroidea singola; quindi nella nostra esperienza la predittività dell'imaging preoperatorio nell'identificare lesioni paratiroidee singole è risultata del 98.9% con un evidente impatto sulla scelta di un tipo di trattamento chirurgico conservativo. In uno solo dei pazienti di questo gruppo, dopo l'asportazione della paratiroide visualizzata preoperatoriamente il PTH rapido è rimasto elevato e si è dovuto estendere l'esplorazione chirurgica all'altro lato del collo per rimuovere un'altra paratiroide ingrandita.
Risultati. La sensibilità della scintigrafia e dell'EAR nei pazienti con adenoma singolo è risultata del 94% e del 83,7% rispettivamente, mentre nel gruppo di pazienti con patologia multighiandolare è risultata del 76,9% e del 64,5% rispettivamente. Va sottolineato che in tutti i 31 pazienti con associata patologia nodulare tiroidea, la valutazione dell'immagine scintigrafica tiroidea con 99mTcO4 ed EAR ha consentito di diagnosticare preoperatoriamente la patologia tiroidea, indirizzando quindi il chirurgo verso un intervento più esteso. La SPECT ha consentito di localizzare correttamente l'adenoma paratiroideo in una sede profonda in 5 pazienti, in 3 casi al collo ed in 2 al mediastino, fornendo dei dati aggiuntivi al chirurgo per la pianificazione dell'atto operatorio.
Conclusioni. In conclusione, nella nostra esperienza: a) l'approccio diagnostico integrato basato sulla scintigrafia 99mTcO4 & KCLO4/MIBI e EAR è risultato molto accurato nell'individuare preoperatoriamente i pazienti affetti da lesione paratiroidea singola e quindi candidabili ad un intervento chirugico ad estensione limitata, b) la scintigrafia con doppio indicatore può essere proposta come metodica elettiva nello studio del paziente con IPT in quanto consente di diagnosticare contemporaneamente anche eventuali malattie della tiroide; questo aspetto assume particolare rilievo nelle aree geografiche con elevata prevalenza di patologia nodulare tiroidea, c) lo studio scintigrafico SPECT può essere utile in alcuni pazienti con sospetto adenoma paratiroideo localizzato in sede profonda, per una più precisa identificazione dello stesso e una migliore pianificazione chirurgica.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail