Home > Riviste > Minerva Endocrinologica > Fascicoli precedenti > Minerva Endocrinologica 2000 March;25(1) > Minerva Endocrinologica 2000 March;25(1):11-7

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ENDOCRINOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Sistema Endocrino


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,118


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Endocrinologica 2000 March;25(1):11-7

Copyright © 2000 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Valutazione del trattamento con L-Tiroxina: mancata corrispondenza fra obiettivi e risultati

Negro R., Dazzi D., Pezzarossa A.

Università degli Studi - Parma, Cattedra di Endocrinologia, Dipartimento di Medicina Interna e Scienze Biomediche


PDF  


Obiettivo. L’ipotiroidismo e il gozzo nodulare tiroideo sono due patologie endocrine frequenti per le quali sono rispettivamente indicati trattamenti sostitutivo e soppressivo con L-Tiroxina.
Obiettivo di questo lavoro era quello di verificare la corrispondenza tra valori di TSH attesi ed ottenuti nei pazienti affetti da ipotiroidismo e gozzo nodulare in trattamento con L-Tiroxina.
Metodi. Ambiente e partecipanti: è stato reso disponibile negli ambulatori di 12 medici di famiglia della provincia di Lecce per un periodo di 6 mesi un questionario indirizzato ai pazienti in trattamento con L-Tiroxina. Centododici pazienti hanno risposto al questionario: 44 erano in trattamento soppressivo per gozzo uni/multinodulare (gruppo 1) e 68 erano in trattamento sostitutivo per ipotiroidismo (gruppo 2).
Risultati. Il dosaggio del TSH era stato eseguito da meno di 1 anno nel 91% dei pazienti del gruppo 1 e nell’87% dei pazienti del gruppo 2 (p=ns); nel gruppo 1 il 25% dei valori di TSH era <0,3 µU/ml; il 68,2% fra 0,3 e 4,5 µU/ml, il 6,8% >4,5 µU/ml (p<0,001); nel gruppo 2 il 25% dei valori di TSH era <0,3 µU/ml, il 63,3% fra 0,3 e 4,5 µU/ml, l’11,8% >4,5 µU/ml: (p<0,001). La distribuzione dei valori di TSH fra i due gruppi non è risultata significativamente differente. Nei pazienti in trattamento soppressivo il TSH era soppresso in un numero di pazienti significativamente inferiore a quelli con TSH non soppresso: 11 vs 33, p<0,01; nei pazienti in terapia sostitutiva il numero di coloro con valori di TSH entro i limiti della norma non differiva da quello dei pazienti con valori di TSH al di fuori del range (43 vs 25 p=ns). Considerando insieme i due gruppi, nel 52% dei pazienti il TSH non corrispondeva agli obiettivi terapeutici.
Conclusioni. Nonostante un regolare controllo della funzionalità tiroidea valori appropriati di TSH venivano raggiunti solo nella metà dei casi.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail