Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2013 Ottobre;68(5) > Minerva Chirurgica 2013 Ottobre;68(5):479-87

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877

 

Minerva Chirurgica 2013 Ottobre;68(5):479-87

CHIRURGIA ROBOTICA 

Chirurgia robotica epatobiliare: aggiornamento sullo stato dell’arte

Carr A. D., Ali M. R., Khatri V. P.

Davis Department of Surgery University of California, Sacramento, CA, USA

Un aggiornamento sullo stato dell’arte della chirurgia robotica epatobiliare basato su una review della letteratura disponibile. Abbiamo condotto una ricerca della letteratura utilizzando il database PubMed con le frasi di ricerca “epatectomia robotica”, “resezione epatica robotica”, “chirurgia epatica robotica” e “ricostruzione biliare robotica”. Abbiamo selezionato serie cliniche o serie caso-controllo con volumi elevati. Come risultato della nostra ricerca della letteratura, ci concentreremo sui 9 principali articoli sulla resezione epatica robotica (robotic liver resection, RLR) con 235 pazienti sottoposti a RLR per un totale di 244 resezioni epatiche. Inoltre, sarà presentato anche un breve aggiornamento sulla ricostruzione biliare robotica basato sugli articoli summenzionati e su recenti review. Le indicazioni per la resezione epatica robotica includevano sia la malattia benigna (N.=72, 29,5%) sia quella maligna (N.=172, 70,5%). L’indicazione più comune era la metastasi epatica del colon-retto (N.=87, 50,6%) e il carcinoma epatocellulare (N.=57, 33%). Il tipo di resezione più comune era quella subsegmentale (N.=55, 22,5%), con un significativo numero di epatectomie maggiori (N.=80, 32,8%). Il tasso di conversione complessivo era del 7,8%, con la maggior parte convertiti alla chirurgia a cielo aperto (N.=18) e uno convertito alla chirurgia assistita dall’uso della mano del chirurgo. Il tasso di complicanze complessivo era dell’11,8% (N.=29). Non è stata riportata alcuna mortalità perioperatoria. I risultati preliminari mostrano che la chirurgia epatobiliare robotica per via laparoscopia si è affermata quale nuova tecnica che combina i vantaggi della laparoscopia con quelli della dissezione, della suturazione e dell’articolazione della robotica. Ciò la avvicina di più alla chirurgia a cielo aperto. I dati preliminari dimostrano che la RLR può essere applicata in sicurezza nei centri epatobiliari maggiori. Sono, tuttavia, necessari futuri studi comparativi per determinare se ciò garantisca un beneficio significativo rispetto alle attuali tecniche a cielo aperto.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina