Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2013 October;68(5) > Minerva Chirurgica 2013 October;68(5):471-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

  CHIRURGIA ROBOTICA


Minerva Chirurgica 2013 October;68(5):471-8

lingua: Inglese

Chirurgia colorettale laparoscopica-robotica

Alimoglu O. 1, Atak I. 2, Orhun K. 1, Eren T. 1

1 Department of General Surgery Istanbul Medeniyet University, School of Medicine, Istanbul, Turkey;
2 Department of General Surgery Istanbul Umraniye Training and Research Hospital, Istanbul, Turkey


PDF  


Il cancro del colon-retto è una delle neoplasie più diffuse nei paesi sviluppati. Il suo trattamento attuale è basato su un approccio multidisciplinare che include chirurgia, chemioterapia e radioterapia. La chirurgia può essere effettuata con metodi mininvasivi e a cielo aperto. La chirurgia laparoscopica mono-incisione (SILS), la chirurgia endoscopica transluminale attraverso gli orifizi naturali (NOTES) e la chirurgia laparoscopica robotica (RALS) sono i traguardi raggiunti dalla chirurgia mininvasiva. Il primo intervento di chirurgia robotica colorettale è stato effettuato nel 2001, in seguito all’approvazione da parte della FDA del sistema chirurgico da Vinci nella chirurgia intra-addominale e da allora il suo utilizzo in questo ambito è gradualmente aumentato. Rispetto alla chirurgia a cielo aperto, il vantaggio e la superiorità della chirurgia robotica, soprattutto in aree ristrette come la pelvi, sono stati dimostrati in numerosi studi. Si tratta di un metodo sicuro e attuabile. Sebbene esistano numerosi studi sulla chirurgia mininvasiva, sono necessari ulteriori studi randomizzati con un maggior numero di casi al fine di stabilire il vantaggio della chirurgia robotica negli esiti oncologici e funzionali, oltre ai vantaggi già osservati.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

orhanalimoglu@gmail.com