Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2013 August;68(4) > Minerva Chirurgica 2013 August;68(4):367-75

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Chirurgica 2013 August;68(4):367-75

Copyright © 2013 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Ablazione in radiofrequenza percutanea versus nodulectomia chirurgica RF-assistita nel trattamento di piccolo noduli di epatocarcinoma: la nostra esperienza

Garavoglia M., Oldani A., Gentilli S., Portigliotti L., D’Agostino G.

Department of General Surgery Faculty of Medicine University of the Eastern Piedmont Amedeo Avogadro, Novara, Italy


PDF  


Obiettivo. La resezione epatica rappresenta in genere il trattamento di scelta per i noduli solitari di epatocarcinoma (hepatocellular carcinoma, HCC) nei pazienti cirrotici con funzionalità epatica in compenso; le procedure di ablazione locale sono la miglior opzione per pazienti con neoplasie di piccole dimensioni non candidabili alla resezione ed al trapianto. Diversi studi dimostrano che l’ablazione in radiofrequenza ha efficacia simile alla nodulectomia chirurgica nel trattamento degli HCC allo stadio iniziale, e si accompagna ad un minor tasso di complicanze e costi rispetto alla resezione. L’obiettivo dello studio è paragonare l’efficacia di questi trattamenti, in termini di morbidità, sopravvivenza, recidiva e cause di morte.
Metodi. Dal gennaio 2006 al gennaio 2012 abbiamo osservato176 pazienti con epatocarcinoma; 84 sono stati sottoposti a trattamento radicale. I 40 pazienti con nodulo singolo di diametro inferiore a 3 cm sono stati trattati con nodulectomia chirurgica RF-assistita (N.=20) o con radiofrequenza percutanea (N.=20).
Risultati. Non si è registrata mortalità perioperatoria nei due gruppi. Il tasso di morbidità è stato 5% nel gruppo A (1 caso di emoperitoneo), e 5% nel gruppo B (1 caso di ascesso epatico). La sopravvivenza libera da malattia è stata lievemente ma non significativamente più elevata nei pazienti trattati chirurgicamente (P<0,06); nessuna recidiva locale è stata dimostrata nel gruppo di pazienti trattati chirurgicamente.
Conclusioni. L’ablazione in radiofrequenza e la nodulectomia chirurgica possono essere entrambe impiegate nel trattamento degli epatocarcinomi in stadio iniziale; non si sono osservate differenze in termini di morbidità; la nodulectomia sembra prevenire la recidiva locale.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

alberto.oldani@libero.it