Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2013 June;68(3) > Minerva Chirurgica 2013 June;68(3):241-50

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

  LA CHIRURGIA NEI TRAUMI


Minerva Chirurgica 2013 June;68(3):241-50

lingua: Inglese

Toracotomia d’urgenza: una review del suo ruolo nel trauma toracico grave

Tan B. K. K. 1, Pothiawala S. 1, Ong M. E. H. 2

1 Department of Emergency Medicine, Singapore General Hospital, Singapore;
2 Department of Emergency Medicine, Singapore General Hospital, Singapore


PDF  


Obiettivo. Obiettivo del presente articolo è stato quello di valutare quale gruppo, tra i pazienti con trauma toracico chiuso e i pazienti con trauma toracico penetrante, possa trarre maggiore beneficio dalla toracotomia d’urgenza (TU) e raggiungere un buon esito funzionale.
Metodi. Abbiamo condotto una ricerca della letteratura utilizzando i database PUBMED, EMBASE, Science Direct e Google Scholar. I termini di ricerca utilizzati sono stati: toracotomia d’urgenza; lesione toracica penetrante; lesione toracica chiusa. I criteri di inclusione prevedevano gli studi su esseri umani, gli studi e le serie cliniche sulla toracotomia d’urgenza o in pronto soccorso nei pazienti adulti e tutte le ricerche che hanno confrontato gli esiti tra pazienti con lesione toracica chiusa e lesione toracica penetrante. Tutte le meta-analisi, le segnalazioni di casi, le toracotomie effettuate nei bambini e nella popolazione pediatrica, le toracotomie che non sono state effettuate in un contesto di urgenza e tutte le ricerche che non includevano dati sulle lesioni chiuse e penetranti sono state escluse.
Risultati. Un totale di 20 articoli hanno soddisfatto i criteri di ricerca. Un maggior numero di TU sono state effettuate in pazienti con lesione toracica penetrante (LTP) (intervallo da 3 a 670, media di 122), rispetto ai pazienti con lesione toracica chiusa (LTC) (intervallo da 5 a 319, media di 51). La sopravvivenza dei pazienti sottoposti a TU è sembrata superiore nel gruppo con LTP (intervallo da 2,7% a 37,5%, media del 17%), rispetto al gruppo con LTC (intervallo da 0,6% a 60%, media del 4,6%). Il tasso di sopravvivenza media era più elevato (70,9%) per le ferite d’arma da taglio rispetto alle ferite d’arma da fuoco (29,2%). La percentuale media di pazienti neurologicamente intatti tra i sopravvissuti alla LTP era dell’86% (164), mentre la percentuale nel gruppo con LTC era più bassa, pari al 12% (8).
Conclusioni. I pazienti che hanno più possibilità di beneficiare della TU sono quelli con lesione toracica penetrante, segni di vita sulla scena o all’arrivo in pronto soccorso o tamponamento pericardico. Gli ospedali devono sviluppare linee guida specifiche per la toracotomia d’urgenza nei pazienti con trauma penetrante, tamponamento pericardico e arresto cardiaco testimoniato poiché questi hanno maggiori possibilità di beneficiare della TU e migliori possibilità di sopravvivenza con un buon esito neurologico.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

mk82001@yahoo.com.sg