Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2012 Ottobre;67(5) > Minerva Chirurgica 2012 Ottobre;67(5):389-97

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Chirurgica 2012 Ottobre;67(5):389-97

lingua: Inglese

Neoplasia della colecisti: l’esperienza di un singolo istituto secondo la pratica attuale

Rossi M. 1, Bencini L. 2, Calistri M. 2, Manetti R. 2, Farsi M. 2

1 Surgical and Anesthesiologist Science Course, Careggi Academic and Regional Hospital, Florence, Italy;
2 Division of Surgical Oncology, Department of Oncology, Careggi Academic and Regional Hospital, Florence, Italy


PDF  


Obiettivo. La neoplasia della colecisti è una patologia subdola, spesso asintomatica anche in stadi avanzati con prognosi spesso è infausta. Un adeguato consenso nel mondo chirurgico riguardo le indicazioni alla estensione della resezione, della linfadenectomia, oppure circa la eventuale resezione dei siti dei trocar o della via biliare, ancora stenta ad imporsi. Scopo dello studio è valutare l’efficacia di un approccio R0 chirurgico, talvolta anche aggressivo, in termini di miglioramento della sopravvivenza in pazienti affetti da neoplasia della colecisti.
Metodi. È stata condotta un’analisi retrospettiva di tutti i pazienti affetti da neoplasia della colecisti ammessi durante un periodo di 12 anni. 16 pazienti sono stati identificati e suddivisi in 2 gruppi sottoposti a trattamento chirurgico (STG, N.=10) e non sottoposti a trattamento chirurgico (NSTG, N.=6).
Risultati: Nel gruppo non chirurgico (NSTG) la malattia era metastatica (stadio IV) al fegato (33.3%), al peritoneo (50%) e al fegato e al peritoneo (16.7%). Nel gruppo chirurgico (STG) sono state eseguite 13 procedure, 6 resezioni epatiche (2 resezioni en bloc, 2 bisegmentectomie, 2 wedge resections) e 7 colecistectomie. 6 resezioni R1 e 7 resezioni R0. Tutte le resezioni epatiche sono state R0. È stata riportata una mortalità dell’0%, una morbidità del 30.7% e tutte le complicanze sono state risolte in modo conservativo. L’ospedalizzazione è stata 10 gg nel gruppo chirurgico (STG) e 5 gg nel gruppo non chirurgico (NSTG). La sopravvivenza media totale è stata 10 mesi (Std Error 2.381 CI 5.333-14.667), mentre nel gruppo chirurgico STG di 16 mesi (Std Error 6.275 CI 3.701-28.299) e in quello non chirurgico NSTG di 7 mesi (Std Error 2.381 CI 5.337-14.667).
Conclusioni: Qualora sia possibile una resezione radicale con margini liberi (R0) deve essere ottenuta, essendo l’unica cura per trattare in modo efficace il paziente.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

m.rossi@unifi.it