Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2012 June;67(3) > Minerva Chirurgica 2012 June;67(3):277-82

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Chirurgica 2012 June;67(3):277-82

lingua: Inglese

Ostruzione della vena iliaca dovuta a linfoma a cellule B: trattamento con impianto di stent endovenoso

Hermus L. 1, Tielliu I. F. J. 1, Zeebregts C. J. 1, Prins T. R. 2, Van Den Dungen J. J. A. M. 1

1 Division of Vascular Surgery, Department of Surgery, University Medical Center Groningen, Groningen, The Netherlands;
2 Department of Radiology, University Medical Center Groningen, Groningen, The Netherlands


PDF  


Il gonfiore unilaterale agli arti inferiori è prevalentemente causato da trombosi venose profonde, sebbene altre condizioni possano imitare tale disturbo. Descriviamo il caso di un paziente con sintomi di gonfiore unilaterale agli arti inferiori causato dalla compressione esterna della vena iliaca dovuta a una massa derivante dal muscolo ileopsoas. Inizialmente, tale massa era stata diagnosticata come ematoma ileopsoas in un paziente utilizzante anticoagulanti. Tuttavia, si è dimostrata essere un linfoma non-Hodgkin a cellule B. La compressione è stata alleviata con l’impianto di uno stent endovenoso nella vena iliaca comune sinistra. L’applicazione dello stent endovenoso è una modalità di trattamento relativamente nuova, utilizzata per trattare le ostruzioni venose postrombotiche e l’insufficienza venosa cronica. Sono state descritte solo poche serie di casi dell’applicazione di stent in vene pelviche compresse da strutture adiacenti, come i tumori ginecologici. Sebbene la pervietà dello stent durasse solo quattro settimane in questo paziente, l’impianto dello stent venoso allevia rapidamente i sintomi e deve quindi essere considerato come un’opzione temporanea per permettere lo sviluppo di sufficienti circoli collaterali venosi.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

czeebregts@hotmail.com