Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2011 December;66(6) > Minerva Chirurgica 2011 December;66(6):589-601

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,115


eTOC

 

  NOVITÀ IN CHIRURGIA


Minerva Chirurgica 2011 December;66(6):589-601

Copyright © 2012 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Attuale trattamento laparoscopico della malattia infiammatoria intestinale

Zoccali M. 1, 2, Fichera A. 1

1 Department of Surgery, University of Chicago Medical Center, Chicago, IL, USA; 2 First General Surgery Unit, Department of Surgery, Catholic University, Rome, Italy


PDF  


Dall’introduzione della chirurgia laparoscopica per il trattamento delle malattie del colon-retto nei primi anni 90, le tecniche mininvasive hanno via via incontrato sempre più favore. Mentre per quanto riguarda la chirurgia laparoscopica per i tumori del colon-retto la letteratura offre studi di buona qualità, non sono attualmente disponibili evidenze a supporto dell’uso della chirurgia mininvasiva per le malattie infiammatorie intestinali. Questa popolazione di pazienti rappresenta una sfida per il chirurgo colorettale anche con approccio a cielo aperto, e ciò ha limitato la diffusione delle tecniche mininvasive, soprattutto nella malattia di Crohn. La resezione ileocecale laparoscopica per la malattia di Crohn è la procedura mininvasiva più comunemente utilizzata nell’ambito delle malattie infiammatorie intestinali; questa tecnica, pur associandosi a promettenti risultati a breve termine, presenta ancora dei problemi legati ai tempi operatori lunghi e ai costi complessivi. Per la rettocolite ulcerosa, la magnitudine delle procedure restaurative ha inoltre limitato l’uso dell’approccio mininvasivo ai soli centri terziari di riferimento ad alta specializzazione. Nella rettocolite ulcerosa, i vantaggi legati all’utilizzo della tecnica laparoscopica per la chirurgia restaurativa sono meno evidenti: la letteratura offre infatti un numero limitato di report basati su un follow-up che consenta di valutare i risultati a lungo termine. Resta inoltre controversa la necessità di un approccio a più stadi, specialmente in epoca di terapia biologica. Ciononostante, i chirurghi sono attivamente impegnati in uno sforzo teso a superare gli attuali limiti tecnici della laparoscopia, e a minimizzare ulteriormente il trauma chirurgico. In questo articolo sono illustrate le evidenze che attualmente supportano l’uso della laparoscopia e delle tecniche mininvasive nelle malattie infiammatorie intestinali, e sono indicate le direttrici della ricerca e degli sviluppi futuri.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

afichera@surgery. bsd. uchicago. edu