Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2011 December;66(6) > Minerva Chirurgica 2011 December;66(6):527-35

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Chirurgica 2011 December;66(6):527-35

lingua: Italiano

Trattamento chirurgico del cancro del retto con tecnica robotica: risultati a breve termine di uno studio prospettico monocentrico

Bianchi P. P. 1, Petz W. 1, Spinoglio G. 2, Belotti D. 1, Bertani E. 1, Zampino M. G. 3, Crosta C. 4, Lazzari R. 5, Andreoni B. 1

1 Divisione di Chirurgia Generale e Laparoscopica.Unità di Chirurgia Mini-Invasiva, Istituto Europeo di Oncologia, Università degli Studi di Milano, Milano, Italia;
2 Divisione di Chirurgia Generale ad Indirizzo Oncologico, Ospedale SS Antonio e Biagio, Alessandria, Italia;
3 Divisione di Oncologia Medica, Istituto Europeo di Oncologia, Milano, Italia;
4 Divisione di Endoscopia, Istituto Europeo di Oncologia, Milano, Italia;
5 Divisione di Radioterapia, Istituto Europeo di Oncologia, Milano, Italia


PDF  


Obiettivo. Scopo di questo studio è stato quello di valutare la fattibilità, la sicurezza oncologica ed i risultati a breve termine del trattamento chirurgico del cancro del retto con tecnica robotica.
Metodi. Da gennaio 2008 a luglio 2010, 46 pazienti (27 maschi e 19 femmine, età mediana 69 anni, BMI mediano24.6 kg/m2) con adenocarcinoma istologicamente dimostrato del retto medio ed inferiore sono stati arruolati in un database prospettico. La stadiazione preoperatoria è stata effettuata mediante colonscopia con biopsie, TAC torace-addome-pelvi, RMN pelvica ed eco endoscopia; in caso di malattia localmente avanzata non metastatica (T3/4 o N1/2) è stato realizzato un trattamento radio chemioterapico neoadiuvante con 45 Gray in 5 settimane e concomitante Capecitabina orale. Il robot utilizzato è un sistema Da Vinci® (Intuitive Surgical, Sunnyvale, CA, USA) a quattro braccia, la cui posizione non varia durante tutta la durata dell’intervento.
Risultati. Venticinque pazienti sono stati operati dopo trattamento neoadiuvante. In 9 casi è stata realizzata una amputazione addomino-perineale, negli altri 37 una resezione anteriore del retto, con ileostomia di protezione in 16 pazienti e con mobilizzazione per via laparoscopica della flessura sinistra in 25 pazienti. La durata mediana del’intervento è stata di 251 minuti, il tempo di canalizzazione mediano di 1,7 giorni e la degenza mediana di 6,7 giorni. Complicanze maggiori necessitanti un re intervento si sono verificate in due pazienti, l’incidenza globale di complicanze è stata del 15,2%. Il numero mediano di linfonodi asportati con il pezzo operatorio è di 18; la distanza del tumore dal margine di resezione distale mediano è di 2 cm; la distanza dal margine di resezione circonferenziale è superiore a 1 mm in tutti i pazienti. Ad un follow-up mediano di 11 mesi tutti i pazienti sono vivi e liberi da malattia.
Conclusioni. La resezione del retto robotica è una tecnica fattibile e ha dimostrato la sua efficacia in termini di sicurezza oncologica e risultati clinici a breve termine.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

paolo.bianchi@ieo.it