Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2011 August;66(4) > Minerva Chirurgica 2011 August;66(4):281-93

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

  ENDOSCOPIA GASTROINTESTINALE


Minerva Chirurgica 2011 August;66(4):281-93

Copyright © 2011 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Novità sull’evoluzione della chirurgia epatica robotica

Kitisin K. 1, Packiam V. 2, Bartlett D. L. 1, Tsung A. 2

1 Division of Surgical Oncology, Department of Surgery, University of Pittsburgh Medical Center, Pittsburgh, PA, USA;
2 Division of Hepatobiliary and Pancreatic Surgery, University of Pittsburgh Medical Center, Pittsburgh, PA, USA


PDF  


La chirurgia epatica laparoscopica si è enormemente evoluta nell’ultima decade. Le crescenti conoscenze di anatomia epatica e i progressi tecnologici hanno ampliato le indicazioni dell’approccio chirurgico mini-invasivo. La tecnologia robot-assistita offre soluzioni importanti a limiti evidenti della chirurgia epatica laparoscopica convenzionale. Numerosi centri hanno iniziato ad applicare la tecnologia robotica ad interventi di chirurgia epatica complessi. L’obiettivo di questa revisione è di fornire una analisi completa degli articoli pubblicati in Letteratura circa il ruolo della tecnologia laparoscopica robot-assistita nell’ambito della chirurgia epatica. È stata condotta una ricerca della Letteratura mediante Pubmed per identificare tutte le pubblicazioni in lingua Inglese relative alla chirurgia epatica robotica. Le pubblicazioni sono state selezionate in modo da analizzare solo le serie su esseri umani. Gli “outcomes” analizzati sono il tempo operatorio, le perdite ematiche, la durata della degenza ospedaliera, il tasso di complicanze, il tasso di conversione alla chirurgia laparotomica, i costi, e i risultati oncologici. Sono state selezionate per questa revisione della Letteratura otto serie di pazienti relative a 134 pazienti. Il 69% dei pazienti è stato sottoposto a resezione di lesioni maligne, mentre il 31% era affetto da lesioni benigne. La segmentecotmia/wedge resection (36%) è risultato l’intervento chirurgico resettivo più frequentemente condotto, seguita dalla resezione dei segmenti laterali di sinistra (28%), dall’epatectomia destra (16%) e dall’epatectomia sinistra (9%). Una meta-analisi dei dati rimanenti non è stata possibile a causa dell’eterogeneità dei metodi utilizzati nei diversi studi. Sulla base dell’analisi delle prime serie pubblicate, la chirurgia epatica robotica rappresenta un approccio fattibile e sicuro nel trattamento mini-invasivo delle lesioni epatiche. Ulteriori studi sono necessari per valutare il miglioramento dei risultati, mancando tuttora i risultati oncologici a lungo termine.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

tsunga@upmc.edu