Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2011 April;66(2) > Minerva Chirurgica 2011 April;66(2):153-63

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,115


eTOC

 

  AGGIORNAMENTO SUL TRATTAMENTO DELLE ERNIE PARASTOMALI


Minerva Chirurgica 2011 April;66(2):153-63

Copyright © 2011 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Cause non-traumatiche e trattamento dell’addome aperto

Mentula P.

Department of Gastrointestinal Surgery, Helsinki University Central Hospital, Helsinki, Finland


PDF  


L’addome aperto è sempre più utilizzato nel trattamento e nella prevenzione della sindrome compartimentale addominale. Le principali cause non-traumatiche che possono causare la sindrome compartimentale addominale che necessitano di decompressione chirurgica sono le peritoniti secondarie, la rottura dell’aneurisma dell’aorta addominale e la pancreatite acuta di grado severo. I pazienti possono anche terminare l’intervento chirurgico con l’addome aperto quando la laparotomia non può essere chiusa senza tensione per l’eccessivo edema viscerale. Inoltre, complicanze chirurgiche, come la deiscenza della ferita laparotomia, possono richiedere tecniche di chiusura addominale temporanee. Nei pazienti chirurgici in stato critico e nei casi in cui sia necessaria una laparotomia second-look, l’addome aperto può essere utilizzato in maniera preventiva come nel caso della damage control trauma surgery. La patologia sottostante e l’indicazione all’addome aperto contribuiscono in maniera significativa al risultato clinico del paziente. L’etiologia non-traumatica dell’addome aperto è associata a una minor probabilità di chiusura fasciale primaria e a maggiori tassi di complicanze correlate all’addome aperto rispetto all’etiologia traumatica. Sono state descritte diverse tecniche di chiusura addominale temporanea. Idealmente, la chiusura addominale temporanea dovrebbe prevenire lo sviluppo della sindrome compartimentale addominale ricorrente e facilitare la successiva chiusura fasciale con minori complicanze. Sebbene i tassi di chiusura fasciale varino tra le tecniche, non vi sono dati basati sull’evidenza che supportino una tecnica rispetto alle altre. Tuttavia, i recenti sviluppi delle diverse tecniche di chiusura addominale temporanea hanno ridotto il numero di pazienti con addome “congelato” e la necessità di trattamento delle ernie. I maggiori tassi di chiusura fasciale sono stati ottenuti con i sistemi di chiusura vacuum-assisted e con i sistemi che forniscono una continua trazione sulla fascia.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

panu.mentula@hus.fi