Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2011 April;66(2) > Minerva Chirurgica 2011 April;66(2):107-17

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Chirurgica 2011 April;66(2):107-17

lingua: Inglese

Errori in chirurgia laparoscopica. Quello che i chirurghi dovrebbero sapere

Galleano R. 1, Franceschi A. 1, Ciciliot M. 1, Falchero F. 1, Cuschieri A. 2

1 Unit of General Surgery, S. Maria di Misericordia Hospital, Albenga, Savona, Italy
2 Sant’Anna School, Pisa, Italy


PDF  


Dalla sua introduzione, avvenuta circa 20 anni fa, la chirurgia mininvasiva (MAS) è a tutt’oggi in evoluzione. Il suo successo è dovuto agli indubbi benefici clinici portati ai pazienti. Tali benefici includono un ridotto trauma chirurgico, la riduzione del dolore postoperatorio, una più precoce ripresa della funzione intestinale, una riduzione dei tempi di ripresa postoperatoria, una riduzione dei tempi di ricovero ed una cosmesi migliore. Ciononostante, le complicanze legate a questa tecnica non sono rare, come hanno dimostrato diversi studi su specifiche manovre o procedure laparoscopiche. In tutte queste situazioni si è evidenziato che la comprensione dell’errore sottostante alla complicanza richiede uno studio dell’intero sistema per poter identificare e classificare la causa ultima responsabile della morbilità. La presente revisione riguarda la definizione, la tassonomia e l’incidenza degli errori medici con particolare riferimento alla chirurgia mininvasiva. Inoltre, sono state studiate le possibili radici degli eventi avversi in laparoscopia e sono stati rivisti i metodi per la ricerca degli errori. Infine sono state identificate specifiche aree che necessitano ulteriori approfondimenti per migliorare la sicurezza dei pazienti sottoposti ad interventi laparoscopici. La speranza è che la consapevolezza e la conoscenza della possibili cause e meccanismi che sottendono gli errori possano ridurre l’incidenza di eventi avversi nella pratica clinica a vantaggio dei pazienti.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

raffagalleano@tin.it