Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2010 Ottobre;65(5) > Minerva Chirurgica 2010 Ottobre;65(5):547-54

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

CARCINOMA DELLA MAMMELLA  


Minerva Chirurgica 2010 Ottobre;65(5):547-54

lingua: Inglese

Può la dissezione linfonodale ascellare essere evitata nelle pazienti affette da cancro della mammella e linfonodo sentinella positivo?

Dominici L., Golshan M.

Department of Surgery, Brigham and Women’s Hospital, Dana Farber Cancer Institute, Harvard Medical School, Boston, MA, USA


PDF  


La biopsia del linfonodo sentinella è divenuta la procedura di scelta per le donne senza linfonodi ascellari clinicamente rilevabili, nell’ottica di rendere sempre meno invasivo il trattamento chirurgico del cancro della mammella. La dissezione linfonodale ascellare rimane lo standard di cura nelle pazienti con un linfonodo ascellare positivo ed era precedentemente condotta in tutte le pazienti affette da cancro della mammella prima dello sviluppo del concetto del linfonodo sentinella. Vi è, tuttavia, controversia perché non è certo che tutte le pazienti con linfonodo sentinella positivo debbano essere sottoposte a dissezione ascellare a scopo prognostico o terapeutico. Questo articolo propone una revisione della Letteratura riguardo a questo argomento controverso e in evoluzione.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

mgolshan@partners.org