Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2010 Ottobre;65(5) > Minerva Chirurgica 2010 Ottobre;65(5):537-46

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

CARCINOMA DELLA MAMMELLA  


Minerva Chirurgica 2010 Ottobre;65(5):537-46

lingua: Inglese

Il ruolo della stadiazione linfonodale nel carcinoma mammario. Passato, presente e futuro

Hirche C., Mohr Z., Kneif S., Hünerbein M.

1 Helios Hospital Berlin-Buch, Department of General Surgery and Surgical Oncology, Berlin, Germany;
2 Department of Hand, Plastic and Reconstructive Surgery, Trauma Center Ludwigshafen, Germany;
3 Department of Plastic and Hand Surgery, University of Heidelberg, Heidelberg, Germany


PDF  


Lo stato dei linfonodi ascellari è considerato il più importante fattore prognostico attualmente disponibile per il carcinoma mammario in stadio iniziale. In passato, l’asportazione radicale dei linfonodi di livello I e II con la dissezione linfonodale ascellare (ALND) era il metodo più accurato per valutare lo stato linfonodale ed era lo standard universal; tuttavia, essa è associata a diverse gravi sequele negative a lungo termine. Nuove tecnologie diagnostiche hanno permesso di individualizzare gli accertamenti diagnostici e la terapia del cancro mammario, migliorando così l’efficacia e minimizzando la morbilità del trattamento. Il mappaggio linfatico con la biopsia del linfonodo sentinella si è rilevato una valida e sicura alternativa alla ALND nel reperire metastasi ascellari. Diversi aspetti come le indicazioni o la tecnica di effettuazione della biopsia del linfonodo sentinella sono stati valutati. Numerosi studi confermano che la linfadenectomia del linfonodo ascellare sentinella permette una stadiazione accurata e che è associata ad una minor morbilità rispetto alla dissezione ascellare. La colorazione con il blu, con il radiocolloide, o con entrambi possono essere utilizzati con diverse tecniche di iniezione per identificare il linfonodo sentinella. La biopsia del linfonodo sentinella è attualmente una procedura mini invasiva, molto accurata nella stadiazione ascellare e ha sostituito la dissezione linfonodale ascellare di routine come nuovo standard di cura del cancro mammario. Tra le nuove tecnologie per la stadiazione linfonodale ascellare vi sono tecniche di imaging innovative come la tomografia computerizzata ad emissione di singolo fotone (SPECT) e approcci di biologia molecolare nella valutazione istopatologia dei linfondo sentinella.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

michael.huenerbein@helios-kliniken.de