Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2010 August;65(4) > Minerva Chirurgica 2010 August;65(4):429-37

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

REVIEW  CHIRURGIA COMPUTER-ASSISTITA


Minerva Chirurgica 2010 August;65(4):429-37

lingua: Inglese

L’attuale ruolo della vertebroplastica e della cifoplastica nel trattamento delle fratture vertebrali da compressione recenti

Röllinghoff M., Zarghooni K., Dargel J., Schlegel U. J., Siewe J., Eysel P., Sobottke R.

Department of Orthopedic and Trauma Surgery, University of Cologne, Cologne, Germany


PDF  


La vertebroplastica (VP) e la cifoplastica (CP) sono procedure additive vertebrali mini-invasive per il trattamento di fratture vertebrali da compressione recenti (VCFs) associate all’osteoporosi, al trauma, a patologie maligne, ad emangiomi e all’osteonecrosi. Durante tali procedure, il cemento osseo (polimetilmetacrilato) viene iniettato per via percutanea nel corpo vertebrale. Revisioni sistematiche di entrambe le procedure hanno dimostrato un miglioramento significativo del dolore dorsale e della qualità di vita rispetto alla terapia conservativa. Il confronto diretto tra VP e CP non è possibile a causa della mancanza di studi prospettici randomizzati che confrontino le due procedure. Entrambe migliorano lo stato funzionale del pazienti nella maggior parte degli studi, sebbene sia difficile mettere insieme i dati disponibili a causa delle differenti scale di misurazione utilizzate. Con l’aumento della popolarità di entrambe le tecniche, soprattutto negli ultimi dieci anni, un numero crescente di pubblicazioni ha riportato in maniera dettagliata potenziali complicanze secondarie all’extravasazione del cemento, dalla compressione di elementi nervosi all’embolia venosa. I tassi complessivi di complicanze per entrambe le procedure sono bassi. Le revisioni sistematiche hanno riscontrato tassi significativamente maggiori di leakage di cemento dopo VP (40%) versus CP (8%), con un 3% di leak dopo VP sintomatico. Non vi è evidenza definitiva per un aumentato rischio di frattura del corpo vertebrale adiacente dopo queste procedure rispetto al trattamento conservativo. Quando effettuate da un operatore esperto in pazienti adeguatamente selezionati, sia la vertebroplastica sia la cifoplastica sono trattamenti sicuri ed efficaci per le fratture vertebrali da compressione recenti. I risultati di trial controllati randomizzati forniranno in futuro ulteriori informazioni dettagliate su entrambe le procedure.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail