Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2010 Giugno;65(3) > Minerva Chirurgica 2010 Giugno;65(3):259-66

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Chirurgica 2010 Giugno;65(3):259-66

lingua: Inglese

Legatura Doppler-guidata delle arterie emorroidarie (DG-HAL): un trattamento sicuro del II-III grado emorroidario per tutti i pazienti. Potrebbe potenzialmente avere anche un ruolo nella profilassi?

Testa A. 1, Torino G. 2

1 Department of Surgery, S. Peter Hospital, FBF, Rome, Italy;
2 Pediatric Surgery Unit, G. Salesi, Children’s Hospital, Ancona, Italy


PDF  


Obiettivo. La legatura Doppler-guidata delle arterie emorroidarie (hemorrhoidal artery ligation, HAL Doppler) rappresenta un trattamento innovativo per la patologia emorroidaria ed è principalmente utilizzata per le emorroidi di II e III grado associate a sanguinamento. Questa tecnica mira alla dearterializzazione del plesso emorroidario interno mediante la legatura dei rami terminali dell’arteria rettale superiore utilizzando uno speciale proctoscopio ad ultrasuoni. Tale procedura è eseguita interamente al di sopra della linea pettinata e pertanto non provoca dolore. Scopo di questo studio è valutare la sicurezza, l’efficacia e la bassa invasività di questa tecnica nel trattamento delle emorroidi di II-III grado.
Metodi. Gli autori hanno trattato 148 pazienti, da maggio 2002 a dicembre 2007, affetti principalmente da emorroidi di II-III grado, caratterizzate da sanguinamento e dolore all’evacuazione. Questi pazienti sono stati inclusi in uno studio osservazionale retrospettivo; tale studio ha riguardato 128 pazienti pari all’86% dei casi trattati. Il follow-up varia da 5 a 72 mesi con un tempo medio di osservazione di 36,5 mesi.
Risultati. È stato registrato un successo del 90% nei pazienti affetti da emorroidi di II-III grado con assenza di complicazioni maggiori (emorragia, incontinenza, stenosi, perforazione, sepsi).
Conclusioni. Gli autori indicano, come dimostrato in letteratura, un ruolo efficace, sicuro e poco invaso dell’HAL Doppler nel trattamento delle emorroidi di II-III grado e ne sottolineano un opportuno impiego nei pazienti affetti da patologia associate per le quali è controindicato il trattamento chirurgico standard. Infine, gli autori ipotizzano nelle emorroidi di basso grado un ruolo, per HAL Doppler, oltre che terapeutico, anche profilattico, dei gradi più avanzati di malattia.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

al.test@tiscali.it