Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2010 June;65(3) > Minerva Chirurgica 2010 June;65(3):251-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Chirurgica 2010 June;65(3):251-8

Copyright © 2010 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Emorroidectomia con Ligasure™ versus emorroidopessi con Stapler: studio clinico prospettico randomizzato

Sakr M. F., Moussa M. M., Elserafy M.

1 Department of Surgery, Faculty of Medicine, University of Alexandria, Alexandria, Egypt;
2 Department of Surgery, Ahmadi Hospital, KOC, Kuwait;
3 Department of Surgery, Faculty of Medicine, Ain-Shams University, Egypt


PDF  


Obiettivo. L’obiettivo di questo studio era di confrontare i risultati dell’emorroidectomia con Ligasure™ (LH) e dell’emorroidopessi con stapler (SH) per prolasso emorroidario.
Metodi. Sessantotto pazienti affetti da emorroidi di III e IV grado sono stati randomizzati in due gruppi di 34 pazienti ciascuno, per essere sottoposti a LH (Gruppo 1) o SH (Gruppo 2). I dati demografici dei pazienti, i dettagli operatori, il punteggio di dolore postoperatorio, il numero di iniezioni di analgesici, la degenza postoperatoria e il tempo impiegato per tornare all’attività lavorativa sono stati raccolti e analizzati in maniera prospettica. Inoltre, sono state registrate le complicanze postoperatorie e le recidive del prolasso. Tutti i pazienti sono stati seguiti regolarmente per un periodo complessivo di 18 mesi.
Risultati. I dati demografici dei pazienti e le caratteristiche cliniche erano simili nei due gruppi. Il tempo operatorio medio, il punteggio di dolore postoperatorio, la necessità di analgesici per via parenterale, la degenza ospedaliera e il tempo trascorso lontano dal lavoro non erano significativamente differenti tra i due gruppi. Analogamente, entrambi i gruppi hanno riportato complicanze postoperatorie sovrapponibili, eccezion fatta per un prolasso residuo che è stato osservato, a quattro settimane dall’intervento, in otto pazienti (23,53%) nel gruppo SH, rispetto a due pazienti (5,89%) nel gruppo LH (P=0,040). Sebbene la recidiva delle emorroidi, a 18 mesi, sia stata superiore nel gruppo SH rispetto al gruppo LH (11,76% vs. 2,94%, rispettivamente), tale differenza non è risultata statisticamente significativa (P=0,163).
Conclusioni. Entrambe LH e SH riportano buoni risultati e minimi effetti collaterali nel trattamento delle emorroidi di grado III e IV, con memo prolassi residui osservati dopo LH. Inoltre, grazie al ridotto dolore postoperatorio, la breve degenza ospedaliera, e il rapido ritorno all’attività lavorativa, entrambe le procedure offrono un’eccellente opzione terapeutica per i prolassi emorroidari di III e IV grado.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

mah_sakr@yahoo.com