Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2010 Febbraio;65(1) > Minerva Chirurgica 2010 Febbraio;65(1):95-100

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

REVIEW  I TUMORI DELLA TIROIDE


Minerva Chirurgica 2010 Febbraio;65(1):95-100

lingua: Inglese

L’ablazione del tessuto tiroideo residuo con I-131 è indicata anche nei pazienti affetti da carcinoma della tiroide differenziato a basso rischio sottoposti a tiroidectomia totale

Verburg F. A. 1, Luster M. 2

1 Department of Nuclear Medicine, University of Wuerzburg, Wuerzburg, Germany;
2 Department of Nuclear Medicine, University of Ulm, Ulm, Germany


PDF  


Dopo tiroidectomia totale per carcinoma differenziato della tiroide (DTC), l’ablazione con I-131 è solitamente raccomandata in tutti i pazienti, tranne in quelli classificati a “bassissimo rischio”, mentre è mandatoria in tutti i pazienti classificati ad “alto rischio”. Per i pazienti classificati a “basso rischio”, vi è tuttora un dibattito aperto se l’ablazione con I-131 sia realmente indicata. In questa revisione, gli Autori discutono diversi sistemi di stadiazione per la classificazione dei pazienti come “a bassissimo rischio”, a “basso rischio” o ad “alto rischio”, con una successiva “panoramica” sui motivi per cui l’ablazione con I-131 rimane un’indicazione ragionevole nei pazienti a “basso rischio”.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

markus.luster@uniklinik-ulm.de