Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2010 Febbraio;65(1) > Minerva Chirurgica 2010 Febbraio;65(1):27-37

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

REVIEW  I TUMORI DELLA TIROIDE


Minerva Chirurgica 2010 Febbraio;65(1):27-37

lingua: Inglese

Attuale trattamento del carcinoma midollare della tiroide

Milan S. A., Sosa J. A., Roman S. A.

Department of Surgery, Yale University School of Medicine, New Haven, CT, USA


PDF  


Il carcinoma midollare della tiroide (medullary thyroid carcinoma, MTC) rappresenta una rara neoplasia maligna delle cellule C parafollicolari della tiroide, con la tendenza a una precoce diffusione linfonodale e alla metastatizzazione a distanza. Esso è ereditario in circa il 25% dei casi, essendoci specifiche mutazioni puntiformi del proto-oncogene RET ereditate in maniera autosomica dominante. Mentre le organizzazioni professionali europee hanno inserito il dosaggio di screening della calcitonina nelle linee guida per la diagnosi precoce del MTC, l’American Thyroid Association, che ha pubblicato recenti linee guida per il trattamento del MTC, non ha preso una posizione sullo screening di routine negli USA. L’exeresi chirurgica del tumore primario e l’asportazione delle metastasi linfonodali rappresentano la pietra miliare del trattamento e l’unica possibilità di cura. I trattamenti chemioterapici sistemici convenzionali per il MTC metastatico hanno dato risultati finora deludenti; tuttavia, nuovi farmaci che agiscono specificatamente sulle proteine RET e sui recettori del tyrosine kinase growth factor si sono dimostrati promettenti in trial clinici di fase 1 e 2.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

sanziana.roman@yale.edu