Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2009 October;64(5) > Minerva Chirurgica 2009 October;64(5);465-76

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,115


eTOC

 

  I TUMORI DEL PANCREAS


Minerva Chirurgica 2009 October;64(5);465-76

Copyright © 2009 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Opzioni chirurgiche nel trattamento del carcinoma pancreatico

Hackert T., Büchler M. W., Werner J.

Department of General Surgery, University of Heidelberg, Heidelberg, Germany


PDF  


Il trattamento del carcinoma pancreatico rappresenta una “sfida” interdisciplinare difficile da affrontare, essendo questa neoplasia tuttora caratterizzata da una scarsa prognosi e da una sopravvivenza globale a lungo termine di solo 1-5%. Dal punto di vista oncologico, il carcinoma pancreatico rappresenta la quarta causa di morte correlata al cancro nel mondo occidentale con più di 100000 decessi in Europa e negli Stati Uniti ogni anno. Uno dei problemi principali è relativo alla diagnosi precoce, poiché l’80-90% dei carcinoma pancreatici è localmente avanzato o già metastatico al momento della diagnosi. Tuttavia, nei pazienti che sono candidabili ad intervento chirurgico resettivo, i tassi di sopravvivenza a 5 anni arrivano a circa il 25%, fatto che sottolinea come la chirurgia rappresenti l’unica possibilità di potenziale guarigione e sopravvivenza a lungo termine in questi pazienti. Tuttavia, la terapia chirurgica deve essere inserita in un concetto oncologico di trattamento adiuvante, poichè la chemioterapia postoperatoria gioca un ruolo chiave nel prolungamento della sopravvivenza del paziente. Numerosi studi tuttora in corso su nuovi agenti terapeutici come anticorpi, agenti antimetaboliti e farmaci di supporto riflettono l’attuale enorme sforzo scientifico e clinico fatto nel tentativo di ottenere un miglior risultato oncologico nei pazienti affetti da carcinoma del pancreas nel prossimo futuro sulla base dell’iniziale resezione della neoplasie o – nei quasi essa non sia possibile come trattamento palliativo. Gli interventi chirurgici resettivi standard prevedono la duodeno-cefalopancresectomia con resezione gastrica distale o – recentemente accettata come la procedura chirurgica di scelta – con la preservazione del piloro in caso di neoplasie della testa del pancreas, la pancresectomia distale per tumori del corpo e della coda del pancreas, come pure la pancreatectomia totale per neoplasie più estese o per le neoplasie mucinose papillari intraduttali se necessario. La resezione venosa della vena porta e della vena mesenterica superiore in corso di tali procedure sono ben accettate, mentre la resezione di vasi arteriosi, di mestastasi o di recidive di malattia non sono considerate procedure standard e pertanto dovrebbero essere effettuate secondo particolari indicazioni e in pazienti selezionati. Attualmente, la standardizzazione delle procedure chirurgiche e la centralizzazione della chirurgia pancreatica in centri ad alto volume garantiscono il miglior trattamento per il paziente e tassi di mortalità inferiori al 5%.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

markus.buechler@med.uni-heidelberg.de