Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2009 October;64(5) > Minerva Chirurgica 2009 October;64(5):457-63

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,115


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Chirurgica 2009 October;64(5):457-63

Copyright © 2009 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Ruolo della chemioterapia adiuvante dopo resezione epatica radicale nel trattamento delle metastasi da carcinoma del colon- retto

Mammano E., Pilati P., Tessari E., Cosci M., Mocellin S., Nitti D.

Clinica Chirurgica II, Dipartimento di Scienze Oncologiche e Chirurgiche, Università di Padova, Padova, Italia


PDF  


Le metastasi epatiche rappresentano la principale causa di morte nei pazienti affetti da carcinoma del colon retto: alla diagnosi del tumore primitivo il 25% circa dei pazienti si presenta già con metastasi al fegato, mentre il 30-50% le svilupperà successivamente. Il trattamento chirurgico delle metastasi rappresenta l’unico trattamento curativo che garantisce una sopravvivenza a cinque anni del 30-60%; tuttavia nel 30-50% di questi pazienti si osserva una ripresa di malattia al fegato. Questi risultati hanno indotto diversi gruppi a condurre studi con l’obiettivo di verificare l’efficacia del trattamento adiuvante dopo chirurgia. La maggior parte degli studi randomizzati che hanno valutato l’efficacia del trattamento adiuvante intra-arterioso, associato o meno a trattamento adiuvante sistemico dopo chirurgia: tale approccio ha dimostrato un beneficio in termini di controllo delle recidive epatiche ma non in termini di sopravvivenza complessiva. Nei due trial randomizzati pubblicati fino ad ora, nei quali è stata valutata l’efficacia della terapia sistemica adiuvante alla chirurgia, è stata dimostrata una riduzione delle recidive epatiche e in uno di questi trial anche un beneficio in termini di sopravvivenza. Alla luce di questi dati e dei risultati ottenuti con l’utilizzo di chemioterapici di ultima generazione (oxaliplatino ed irinotecan), nel trattamento delle metastasi epatiche non resecabili da carcinoma del colon-retto, è ipotizzabile che gli studi clinici randomizzati in corso confermino un vantaggio significativo della chemioterapia adiuvante sia per il controllo della recidiva epatica sia per la sopravvivenza complessiva.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

enzo.mammano@unipd.it