Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2009 February;64(1) > Minerva Chirurgica 2009 February;64(1):59-73

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,115


eTOC

 

REVIEW  TRAPIANTI DI ORGANI


Minerva Chirurgica 2009 February;64(1):59-73

Copyright © 2009 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Prospettive future nel trapianto di cellule insulari

Sabek O. M., Hamilton D. J., Gaber A. O.

1 Department of Surgery Weill Cornell Medical College The Methodist Research Institute Houston TX USA 2 Diabetes Heart Program Weill Cornell Medical College The Methodist Hospital Houston Tx USA


PDF  


Il trapianto di cellule insulari rappresenta una strategia che ha generato grandi aspettative nel trattamento dei pazienti affetti da diabete mellito di tipo 1 (T1DM), e nel prevenire lo stato metabolico instabile comunemente riferito al diabete scarsamente compensato nei pazienti che vengono sottoposti a resezione pancreatica, poiché esso è una procedura relativamente non invasiva ed è un’alternativa attraente al trapianto di pancreas nel ripristinare la secrezione di insulina endogena. Il successo ottenuto da recenti studi clinici riguardanti il trapianto di isole allogeniche come pure l’incremento del numero di Centri che effettuano l’auto-trapianto stanno dimostrando che la terapia di sostituzione delle beta cellule per il trattamento dei pazienti affetti da diabete o sottoposti a pancreasectomia totale è ormai ben consolidata. È attualmente soltanto necessario migliorare la tecnica e renderla più diffusamente disponibile ai milioni di pazienti che vivono in condizioni disperate e che sono alla ricerca di alternative ad una vita costellata di quotidiane iniezioni di insulina, episodi di ipoglicemia e i rischi di danno terminale d’organo. Negli ultimi anni, si è assistito ad un progresso costante nei diversi settori del processo di trapianto di isole pancreatiche, comprendenti la processazione e la preservazione delle cellule insulari, e terapie immunitarie che giustificano questo ottimismo. La realizzazione di questo approccio terapeutico nei confronti di più vaste coorti di pazienti che potrebbero beneficiare del ripristino della funzione delle beta cellule richiede multipli interventi e la standardizzazione delle differenti tappe del processo di trapianto di isole. Questo articolo propone una revisione delle possibili aree di intervento e le ricerche in corso per raggiungere questo importante obiettivo.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail