Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2008 December;63(6) > Minerva Chirurgica 2008 December;63(6):511-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Chirurgica 2008 December;63(6):511-6

lingua: Inglese

Approccio video-toracoscopico alle metastasi polmonari

Mineo T. C.

Division of Thoracic Surgery Tor Vergata University, Rome, Italy


PDF  


La resezione chirurgica delle metastasi polmonari è una procedura che è diventata routinaria, e l’introduzione della chirurgia toracoscopica video-assistita (video-assisted thoracic surgery, VATS) ha fornito una opzione mininvasiva a questo tipo di trattamento. Tuttavia, la VATS ha dei limiti di radicalità oncologica specialmente nel caso di noduli localizzati in profondità che richiedono la palpazione manuale, e nella dissezione di linfonodi. Allo stato attuale la metastasectomia polmonare tramite VATS è eseguita con finalità diagnostiche o con intento curativo nella resezione iniziale in pazienti con una o comunque poche lesioni, situate perifericamente. Le nuove prospettive sono rappresentate dall’introduzione dell’accesso transxifoideo, che può permettere la palpazione manuale durante un intervento VATS, e la metastasectomia da sveglio in anestesia epidurale, che può consentire la riduzione del tempo chirurgico, della degenza e dei costi. In conclusione la metastasectomia VATS può essere considerata un approccio valido in un numero selezionato, ma via via crescente di pazienti, che può non compromettere la radicalità oncologica.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail