Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2008 Ottobre;63(5) > Minerva Chirurgica 2008 Ottobre;63(5):385-8

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877

 

Minerva Chirurgica 2008 Ottobre;63(5):385-8

 REVIEW

Punto di vista dei chirurghi colorettali a riguardo della chirurgia endoscopica transluminale attraverso orifizi naturali (NOTES)

Whiteford M. H. 1,2, Spaun G. O. 2

1 Oregon Health and Science University Portland, OR, USA
2 Gastrointestinal and Minimally Invasive Surgery Program Legacy Health System, Portland, OR, USA

La chirurgia endoscopica transluminale attraverso orifizi naturali (NOTES) rappresenta un campo in rapida crescita sebbene ancora largamente sperimentale. La maggior parte dei ricercatori nell’ambito della NOTES ritiene vantaggioso l’accesso transgastrico e quello transvaginale al cavo addominale. Per gli interventi chirurgici che coinvolgono gli organi siti nei quadranti addominali superiori, gli approcci transvaginale e transanale sono quelli che permettono un accesso più diretto rispetto alla spesso scomoda retroflessione tipicamente richiesta nel caso dell’approccio transgastrico. I potenziali svantaggi dell’accesso transanale sono importanti e includono problemi di sterilità, il rischio di inavvertito trauma ad organi adiacenti durante il foro transmurale, e il rischio di perforazione della parete colica. In questo articolo, gli Autori propongono una revisione della Letteratura circa i dati disponibili sullo sviluppo iniziale della NOTES, l’evoluzione dell’accesso transanale alla cavità peritoneale, mettendo in evidenza le diverse tecniche che sono state proposte per questo accesso, e discutono i relativi vantaggi e svantaggi di questo approccio.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina