Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2008 Agosto;63(4) > Minerva Chirurgica 2008 Agosto;63(4):311-4

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877

 

Minerva Chirurgica 2008 Agosto;63(4):311-4

 CASI CLINICI

Un caso insolito di asportazione di un carcinoide rettale tramite microchirurgia endoscopica trans-anale

Morelli U., Coccetta M., Cirocchi R., La Mura F.,Napolitano V., Galanou I., Giustozzi G., Sciannameo F.

University of Perugina, General and Emergency Surgical Clinic “S. Maria” Hospital, Terni, Italy

Il termine “carcinoide” fu inventato da Oberndorfer nel 1907, quando la natura di quelle entità istologiche era poco nota. Solitamente i carcinoidi hanno varie localizzazioni nell’apparato gastrointestinale (GI) (67%), la maggior parte delle volte nel piccolo intestino (25%), nell’appendice (12%) e nel retto (14%). Le tecniche utilizzate per la loro asportazione sono varie. Gli Autori presentano un caso di carcinoide rettale asportato utilizzando una tecnica microchirurgica endoscopica per via trans-anale e discutono la diagnosi e il trattamento di questo tumore poco comune. All’Ospedale Santa Maria di Terni (Italia) è stata ricoverata un paziente di sesso maschile di 37 anni di età che presentava dolore intermittente al quadrante addominale inferiore destro, dolore che era iniziato 3 ani prima. L’esame emocromocitometrico completo (complete blood count, CBC) e gli esami di laboratorio quali i marcatori tumorali e l’acido 5-idrossindolacetico urinario (5-hydroxyindoleacetic acid, 5-HIAA) erano normali, mentre il livello di acido vanilmandelico urinario era elevato (18 mg/24 ore). Il paziente è stata sottoposta a colonscopia con endoscopia con ingrandimento e biopsia. L’esame istologico ha evidenziato la presenza di un nodulo caratterizzato da proliferazione cellulare, con poche anormalità microscopiche, strutturato in piccoli cordoni con aspetto ghiandolare, separati da denso tessuto connettivo. L’indagine istochimica ha evidenziato che le cellule del tumore erano citocheratine +/-, cromogranina positive, sinaptofisina positive, CD56 positive e con un Indice di Crescita MIB1-Ki67 tendente allo zero. Il paziente è anche stata sottoposta ad ecografia endoscopica e ad un Octreoscan. La paziente è stata quindi sottoposta ad intervento chirurgico utilizzando una tecnica microchirurgica endoscopica transanale. L’utilizzo della Microchirurgia Endoscopica Transanale (Transanal Endoscopic Microsurgery, TEM) quale tecnica sicura e fattibile per l’asportazione dei tumori rettali può facilmente essere compresa a causa dell’eccellente visione che consente e alla precisione dell’incisione che consente. L’utilizzo di nuovi strumenti chirurgici quali l’Harmonic Scalpel ha migliorato la precisione di questo tipo di approccio, aumentandone l’adeguatezza rispetto ad altri tipi di incisione, Un percorso diagnostico completo e l’indagine immunoistochimica sono aspetti fondamentali per poter fare una diagnosi precisa di carcinoide rettale. A causa del loro comportamento insolito, molta attenzione deve essere posta nei confronti di questi tumori.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina