Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2008 August;63(4) > Minerva Chirurgica 2008 August;63(4):301-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Chirurgica 2008 August;63(4):301-6

Copyright © 2008 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Carcinoma sarcomatoide anaplastico del piccolo intestino in paziente portatore di trapianto di cuore

Rosati G. 1, Ugolini G. 1, Senatore G. 1, Leone Ornella O. 2, Montroni I. 1, Zanotti S. 1, Manaresi A. 1, Taffurelli M. 1

1 Department of General Surgery, Emergency Surgery and Organ Transplantation University of Bologna Policlinico S. Orsola-Malpighi, Bologna, Italy
2 Anatomy and Histopatology University of Bologna Policlinico S.Orsola-Malpighi, Bologna, Italy


PDF  


Il carcinoma sarcomatoide è una rara forma di carcinoma primitivo del piccolo intestino ed è considerato una variante dell’adenocarcinoma, caratterizzato dal punto di vista istologico da un tipico pattern bifasico con cellule simil-epiteliali e simil-mesenchimali. In Letteratura, ne sono stati descritti 21 casi, presentatisi con quadro di occlusione del piccolo intestino (venti casi) o sindrome della vena cava superiore (un caso). Gli autori riportano il caso di un uomo di 56 anni in terapia immunosoppressiva in seguito a trapianto di cuore, che è stato sottoposto ad intervento chirurgico dopo una storia di ripetuti episodi di melena, anemizzazione e occlusione intestinale. L’atto chirurgico ha portato alla luce una massa occludente intraluminale a livello dell’ileo distale, associata ad altre neoplasie intraluminali di diverse dimensioni lungo il piccolo intestino. Non vi era evidenza di adenopatie mesenteriche, né di metastasi epatiche. L’esame istologico definitivo e la colorazione immunoistochimica hanno posto diagnosi di carcinoma anaplastico sarcomatoide. Le cellule tumorali mostravano una forte positività per la citocheratina e la vimentina, mentre erano negative per il CD117 e il CD34, come pure per tutti gli altri caratteristici marcatori dei tumori mesenchimali. La diagnosi precoce è solitamente molto difficile, a causa della mancanza di qualsiasi manifestazione clinica tipica e la difficoltà di studiare il piccolo intestino. Lo studio del piccolo intestino con il bario o l’endoscopia con video-capsula possono essere utili. Nella maggior parte dei casi, il paziente viene sottoposto ad intervento chirurgico d’urgenza senza una chiara diagnosi preoperatoria. Il caso clinico riportato viene completato da una revisione della Letteratura.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail