Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2008 Aprile;63(2) > Minerva Chirurgica 2008 Aprile;63(2):71-8

ULTIMO FASCICOLOMINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Chirurgica 2008 Aprile;63(2):71-8

lingua: Inglese

Carcinoma della mammella maschile: sei anni di esperienza

La Pinta M. 1, Fabi A.2, Ascarelli A.3, Ponzani T. 3, Di Carlo V. 3, Scicchitano F. 4, Saputo S. 1, Russillo M. 2, Andrich R. 1

1 Breast Unit San Giovanni-Addolorata Hospital, Rome
2 Division of Medical Oncology A, Regina Elena National Cancer Institute, Rome, Italy
3 Department of Radiology San Giovanni-Addolorata Hospital, Rome, Italy
4 Department of Surgery, Sant’Andrea Hospital Rome, Italy


PDF  ESTRATTI


Obiettivo. Il carcinoma della mammella maschile è una neoplasia molto rara, rappresentando l’1% dei tumori della mammella con un rapporto di 1:100 tra sesso maschile e femminile e circa l’1% di tutti i tumori maligni nel maschio. Attraverso una revisione della letteratura gli Autori hanno cercato di individuare le caratteristiche principali di questa rara neoplasia, in termini di epidemiologia, diagnosi, prognosi, terapia e sopravvivenza.
Metodi. Gli Autori riportano l’esperienza del Centro di Patologia della Mammella dell’Azienda Ospedaliera San Giovanni – Addolorata di Roma, in cui sono stati osservati e trattati 4 casi di carcinoma mammario maschile su un totale di 784 neoplasie mammarie. Risultati. Tutti i tumori sono risultati carcinomi duttali. La stadiazione è risultata la seguente: 3 casi stadio I ed 1 caso stadio IIIB con recettori estrogenici e progestinici presenti ed espressi nel 100% in due casi e nel 20-80% negli altri due casi. Il follow up medio è stato di 57,5 mesi. I tre pazienti al primo stadio sono in buone condizioni generali dopo circa 6 anni di follow up; il paziente con neoplasia al terzo stadio è deceduto dopo 27 mesi dall’intervento chirurgico per la presenza di metastasi diffuse.
Conclusioni. Il trattamento chirurgico rimane il gold standard per il carcinoma mammario maschile. La prognosi è sovrapponibile al carcinoma della mammella femminile a parità di stadio. La terapia adiuvante si basa sugli studi retrospettivi del trattamento del carcinoma mammario maschile degli ultimi 20 anni facendo comunque riferimento alle linee guida di trattamento del carcinoma mammario femminile.

inizio pagina