Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2007 December;62(6) > Minerva Chirurgica 2007 December;62(6):443-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,115


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Chirurgica 2007 December;62(6):443-6

Copyright © 2007 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Tecnica Open Veress Assistita: risultati su 2700 pazienti

Corcione F., Miranda L., Settembre A., Capasso P., Piccolboni D., Cusano D., Bakhtri M., Manzi F.

Department of Surgery Laparoscopic Surgery Centre Monaldi Hospital Neaples, Italy


PDF  


Obiettivo. Il rischio di complicanze specifiche della laparoscopia, legato alla creazione del pneumoperitoneo e all’inserimento del primo trocar, sebbene raro, viene riportato in letteratura con una certa frequenza.
Metodi. Abbiamo effettuato uno studio retrospettivo sulle complicanze riscontrate nel periodo compreso tra il mese di ottobre 1998 e il mese di dicembre 2006, utilizzando, in 2 700 pazienti (con cicatrici da pregressi interventi laparotomici o che non necessitavano del posizionamento del trocar in sede ombelicale), una tecnica personale di induzione del pneumoperitoneo e inserimento del primo trocar, che abbiamo denominata Open Veress Assistita (OVA).
Risultati. Abbiamo registrato due complicanze viscerali (0,07%), legate a lesioni di anse ileali.
Conclusioni. Sebbene nessuna metodica chirurgica sia priva di rischi, riteniamo che l’uso della nostra tecnica sia più sicuro dell’introduzione alla cieca del primo trocar, soprattutto in pazienti con pregressi interventi chirurgici.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail