Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2007 Dicembre;62(6) > Minerva Chirurgica 2007 Dicembre;62(6):437-41

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877

 

Minerva Chirurgica 2007 Dicembre;62(6):437-41

 ARTICOLI ORIGINALI

Gestione delle emergenze colon-rettali localizzate a sinistra. Risultati di un questionario inviato per posta

Singhal R., Hull P., Budhoo M.

1 Department of General Surgery West Midlands Rotation, Birmingham, UK
2 Department of Orthopaedics West Midlands Rotation, Birmingham, UK
3 Department of Colorectal Surgery Heart of England NHS Foundation Trust Birmingham, UK

Obiettivo. Continuano ad esserci discussioni circa la gestione delle emergenze colon-rettali localizzate a sinistra. Storicamente, la gestione avveniva attraverso una procedura in tre stadi, ma più recentemente è stata adottata una procedura a due stadi (procedura di Hartmann). Da quando, negli anni ’80, Dudley descrisse la sicurezza dell’irrigazione anterograda perioperatoria del colon e l’anastomosi primaria (primary anastomosis: PA), alcuni chirurghi hanno adottato questa procedura per stadi. Gli studi hanno evidenziato prognosi ottime. Tuttavia, l’adozione di un approccio in un solo stadio non è accettato universalmente. L’obiettivo di questo studio è stato quello di stabilire le scelte operative dei chirurghi per la gestione delle emergenze colon-rettali localizzate a sinistra. Gli autori hanno anche confrontato le scelte dei chirurghi specializzati nella chirurgia colon-rettale con quelle di chirurghi non colon-rettali.
Metodi. È stato inviato un questionario cartaceo a 300 chirurghi che operano nel Regno Unito, equamente divisi tra specialisti del colon-retto e non specialisti. È stato chiesto loro di specificare il loro settore specialistico di attività e quale tipo di intervento avrebbero eseguito per: carcinoma ostruente del sigma; stenosi diverticolare ostruente del colon-sigma; carcinoma perforato del sigma; diverticolite e peritonite purulenta; diverticolite perforata con peritonite fecale.
Risultati. Su 300 questionari inviati, 145 (48%) sono stati restituiti compilati. Di questi, 72 (50%) erano di chirurghi specializzati sul colon-retto, 58 (40%) di chirurghi non specialisti. Per il carcinoma ostruente del sigma, per l’ostruzione dovuta a stenosi diverticolare e per la diverticolite purulenta, i chirurghi specialisti erano statisticamente più propensi ad eseguire una PA rispetto a quelli non specialisti.
Conclusioni. Il nostro studio indica che i chirurgi specialisti del colon-retto sono più propensi ad eseguire un intervento in unico stadio per tutti gli scenari esaminati. Esso dimostra anche che sta cambiando il punto di vista dei chirurghi del Regno Unito e che viene sempre più accettata l’idea della gestione specialistica delle patologie complesse del colon.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina