Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2007 Ottobre;62(5) > Minerva Chirurgica 2007 Ottobre;62(5):421-4

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Chirurgica 2007 Ottobre;62(5):421-4

lingua: Inglese

Gastrectomia totale per carcinoide gastrico di tipo 1: un’insolita indicazione chirurgica?

Clemente G. 1, Sarno G. 1, Giordano M. 1, De Rose A. M. 1, Giovannini I. 1, Vecchio F. M. 2, Nuzzo G. 1

1 Department of Surgery Hepatobiliary Surgery Unit Catholic University of the Sacred Heart Agostino Gemelli School of Medicine
Rome, Italy
2 Department of Pathology Catholic University of the Sacred Heart Agostino Gemelli School of Medicine
Rome, Italy


PDF  


Il carcinoide gastrico è una neoplasia relativamente rara, con aspetti peculiari che lo differenziano dal carcinoide intestinale e polmonare e, ovviamente, dall’adenocarcinoma gastrico. I carcinoide gastrici vengono suddivisi in tre tipi diversi: tipo 1, associato ad atrofia gastrica e anemia megaloblastica; tipo 2, associato alla sindrome di Zollinger-Ellison nell’ambito di una neoplasia endocrina multipla di tipo 1 (multiple endocrine neoplasia: MEN); tipo 3, tumore sporadico, non associato ad altre lesioni, particolarmente invasivo e con prognosi pessima. Il carcinoide di tipo 1 è solitamente asintomatico e viene scoperto di solito casualmente con un’endoscopia eseguita per sintomi aspecifici o per screening nei pazienti con gastrite atrofica. Esso è generalmente di piccole dimensioni, multifocale e localizzato a livello del fundus gastrico, non ha tendenza ad invadere i vasi ed ha un decorso benigno. Di conseguenza, il trattamento raccomandato per lesioni < 10 mm e < 5 di numero è l’asportazione per via endoscopica con un attento follow-up. Descriviamo il caso di un soggetto di sesso femminile con carcinoide gastrico di tipo 1 nella quale, per la presenza di un’estesa micropoliposi del fundus è stato necessario ricorrere ad una gastrectomia totale. L’esame istologico ha evidenziato la presenza di invasione vascolare a livello della lesione maggiore di 8 mm di diametro. In conclusione, questo aspetto, ignoto prima dell’intervento chirurgico, sottolinea la necessità di un’attenta valutazione anche in presenza di lesioni da carcinoide gastrico apparentemente meno importanti.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail