Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2007 October;62(5) > Minerva Chirurgica 2007 October;62(5):373-82

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Chirurgica 2007 October;62(5):373-82

Copyright © 2007 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Gestione dei tumori follicolari della tiroide

Wang T. S., Roman S. A., Sosa J. A.

Department of Surgery Yale University School of Medicine New Haven, CT, USA


PDF  


L’incidenza dei carcinomi della tiroide ben differenziati è in aumento. Il carcinoma follicolare rappresenta il 10-20% della casistica. Dal momento che la maggior parte dei noduli tiroidei di origine follicolare sono benigni, l’agoaspirazione non è in grado di fornire la prova citologica di invasione capsulare e/o vascolare; di conseguenza, i pazienti dovrebbero sottoporsi ad asportazione chirurgica. Le sezioni congelate non sono raccomandate per la valutazione intraoperatoria della neoplasia follicolare. I pazienti sospettati di avere un carcinoma follicolare necessitano di un’asportazione pressoché totale o totale della tiroide e di ablazione postoperatoria con 131I. La gestione ottimale del carcinoma follicolare minimamente invasivo resta oggetto di discussione, ma la prognosi a lungo termine per questi pazienti è eccellente. La ricerca dovrebbe focalizzarsi sull’identificazione di marcatori molecolari di malignità e di aggressività della neoplasia follicolare.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail