Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2007 October;62(5) > Minerva Chirurgica 2007 October;62(5):335-49

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Chirurgica 2007 October;62(5):335-49

lingua: Italiano

Le nuove tecnologie nella chirurgia tiroidea. Chirurgia endoscopica della tiroide

Miccoli P., Ambrosini C. E., Materazzi G., Fregoli L., Fosso L. A., Berti P.

Dipartimento di Chirurgia Università degli Studi di Pisa, Pisa


PDF  


L’utilizzo dell’approccio endoscopico alla regione cervicale risale alla prima paratiroidectomia endoscopica eseguita nel 1996. Questo tipo di intervento, con numerose varianti, è diventato oggi una valida opzione chirurgica diffusa in molti importanti centri nel mondo. In seguito venne introdotta anche la tiroidectomia endoscopica e video-assistita, nonostante gli ovvii limiti imposti dalle dimensioni della ghiandola da rimuovere. Per questo motivo tale approccio è riservato a una minoranza di pazienti ma, nonostante ciò, sia la tiroidectomia che la paratiroidectomia, hanno dimostrato una serie di vantaggi importanti rispetto alla chirurgia tradizionale, vantaggi che sono stati evidenziati anche in studi prospettici e che sono rappresentati essenzialmente da un miglior risultato estetico e da un decorso postoperatorio più rapido e confortevole per il paziente. Queste tecniche hanno dimostrato essere sicure e applicabili in ogni contesto chirurgico con una percentuale di complicanze perfettamente sovrapponibile a quella della chirurgia tradizionale. Molto promettente sembra rivelarsi l’accesso videoscopico ai compartimenti linfonodali centrale e laterocervicale mentre altri campi di applicazione, quali la chirurgia della carotide o della colonna cervicale, sono ancora in fase di elaborazione e sperimentazione. Per quanto riguarda lo svuotamento dei linfonodi laterocervicali, la tecnica è in fase di definizione presso il nostro centro come variante del ben noto approccio video assistito aggiungendo un trocar da 5 mm posizionato in sede sovraclaveare. Da quanto detto si può concludere che la cervicoscopia è uno strumento chirurgico molto importante che sicuramente è suscettibile di ulteriori miglioramenti ma che ha in sé delle notevoli potenzialità di sviluppo e di crescita.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail