Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2007 February;62(1) > Minerva Chirurgica 2007 February;62(1):73-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,115


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Chirurgica 2007 February;62(1):73-8

Copyright © 2007 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Impiego di Tachosil® nella splenectomia in pazienti con disordini della coagulazione e della crasi ematica

Tagliabue F. 1, D’Angelo C. 1, Zuccon W. 1, Giorgetta C. 2, Gambarini F. 1, Bonandrini L. 1

1 Divisione di Chirurgia Generale Scuola di Specializzazione in Chirurgia Generale in Urgenza Università degli Studi di Pavia Polo Universitario Città di Pavia, Pavia 2 Unità Operativa Chirurgia Generale Azienda Ospedaliera Ospedale di Lecco Presidio di Lecco, Lecco


PDF  


La splenectomia nei pazienti affetti da patologie onco-ematologiche presenta problematiche correlate ai disordini coagulativi dei pazienti stessi che determinano una maggiore difficoltà di una corretta emostasi. Gli Autori, prendendo lo spunto dalle problematiche di emostasi operatoria in corso di splenectomia per patologie onco-ematologiche, riferiscono l’esperienza clinica personale dell’utilizzo del Tachosil®, raffrontando tale prodotto con altri presidi simili e traendone alcune considerazioni personali. A completamento delle riflessioni sulle problematiche coagulative della splenectomia in corso di malattie onco-ematologiche, è stato segnalato il confronto, e la bontà dei risultati, con patologie oncologiche di altri parenchimi, quali rene e fegato, con difficoltà emostatiche operatorie di tipo tecnico. Vengono descritti i casi di 3 pazienti affetti da gravi turbe della coagulazione e trattati con splenectomia e di 1 paziente affetto da carcinoma renale a cellule chiare e sottoposto a nefrectomia, in cui è stato utilizzato il Tachosil® come presidio coadiuvante dell’emostasi. Alla luce dei casi presi in considerazione, si può affermare che, pur persistendo difficoltà correlate alle alterate capacità coagulative dipendenti dalla malattia di base, l’utilizzo del Tachosil® si è rilevato efficace come presidio coadiuvante dell’emostasi e suggerisce la validità dell’uso di tale presidio negli interventi di splenectomia, in elezione e in urgenza, in tali tipi di pazienti.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail