Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2007 Febbraio;62(1) > Minerva Chirurgica 2007 Febbraio;62(1):33-7

ULTIMO FASCICOLOMINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Chirurgica 2007 Febbraio;62(1):33-7

lingua: Italiano

Linfoma primitivo della mammella. Descri-zione di un caso clinico e revisione della letteratura

La Pinta M. 1, Stagnitto D. 1, Lengua G. 2, Aicardi P. 1, Loreti A. 1, Bellioni M. 3, Ponzani T. 4, Ascarelli A. 4, Dell’Osso A. 1

1 SSD Centro di Patologia della mammella e Chirurgia Ricostruttiva Azienda Ospedaliera San Giovanni-Addolorata, Roma
2 UOC Anatomia Patologica Azienda Ospedaliera San Giovanni-Addolorata, Roma
3 UOC I Chirurgia Azienda Ospedaliera San Giovanni-Addolorata, Roma
4 UOC Radiologia IV Azienda Ospedaliera San Giovanni-Addolorata, Roma


PDF  ESTRATTI


Il linfoma primitivo non-Hodgkin della mammella è una rara patologia che costituisce circa lo 0,04-0,5% di tutte le neoplasie della mammella femminile, meno del 1% di tutti i linfomi non-Hodgkin e circa il 1,7-2,2% di tutti i casi di linfoma non-Hodgkin extranodale.
Una paziente di 75 anni è giunta alla nostra osservazione per la comparsa, da circa 6 settimane, di tumefazioni localizzate nei quadranti esterni della mammella sinistra. L’ultrasonografia evidenziava 3 formazioni nodulari da riferire a fibroadenomi, mentre la Rx mammografia digitale poneva il sospetto di un carcinoma multicentrico. L’agoaspirato ecoguidato di una delle tumefazioni indicava un processo linfoproliferativo a basso grado di malignità, confermato successivamente dalla biopsia escissionale dove veniva diagnosticato un linfoma non-Hodgkin di tipo marginale extranodale tipo MALT con immunofenotipo CD 20+/CD 79a+/CD 3-/Bcl 2- e indice di proliferazione Ki 67=30%. (stadio IE). Il linfoma primitivo non-Hodgkin della mammella, sebbene raro, deve essere considerato nella diagnosi differenziale tra le neoplasie maligne della mammella. Allo stato attuale, non esiste ancora un approccio uniforme di trattamento; i linfomi a basso grado di malignità possono essere trattati con una semplice biopsia escissionale e/o radioterapia, mentre i linfomi ad alto grado devono essere trattati con polichemioterapia associata o meno al trattamento radioterapico.

inizio pagina