Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2006 December;61(6) > Minerva Chirurgica 2006 December;61(6):501-7

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Chirurgica 2006 December;61(6):501-7

lingua: Inglese

L’utilizzo del filtro cavale ALN permanente/ rimovibile. Un’esperienza multicentrica

Pancione L. 1, Pieri S. 2, Agresti P. 2, Laganà D. 3, Carrafiello G. 3, Mecozzi B. 1

1 Department of Radiology “Maria Vittoria” Hospital, Asl 3, Turin, Italy
2 Department of Vascular and Interventional Radiology “S. Camillo-Forlanini'' Hospital, Rome, Italy
3 Institute of Radiology, Insubria University Circolo Hospital, Varese, Italy


PDF  


Obiettivo. I filtri cavali sono impiegati per la prevenzione dell’embolia polmonare in casi di controindicazione, fallimento o complicanze della terapia anticoagulante. Non ci sono dati certi in letteratura riguardo l’efficacia dei filtri cavali e, soprattutto, le possibili complicanze a lungo termine non sono conosciute. Per tale motivo un’attenzione crescente è rivolta ai filtri permanenti/rimovibili che permettono di sfruttare i vantaggi a breve termine dell’interruzione della vena cava, eliminando le possibili complicanze a lungo termine. Riportiamo i risultati di un’esperienza multicentrica riguardo i filtri cavali permanenti/rimovibili ALN in 276 pazienti.
Metodi. Filtri cavali sono stati posizionati in 276 pazienti attraverso la vena giugulare, femorale e brachiale. Il filtro è stato rimosso in 43 pazienti dopo 3 mesi e in 28 pazienti dopo 6 mesi.
Risultati. In un caso, a causa dell’apertura incompleta del filtro, è stata effettuata immediatamente la sua rimozione percutanea ed è stato posizionato un altro filtro. In 5 casi non è stato possibile rimuovere il filtro, in un caso per inesperienza e nei restanti casi per aderenze della testa o degli uncini del filtro alla parete della vena. Non si sono verificati problemi negli altri casi.
Conclusioni. Il filtro cavale ALN è sicuro, facile da posizionare e da rimuovere anche molto tempo dopo il suo posizionamento. Attualmente, filtri permanenti dovrebbero essere impiegati solo per pazienti con scarsa aspettativa di vita mentre in tutti gli altri casi l’utilizzo di filtri rimovibili è preferibile.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail